WHATSAPP: 349 88 18 870

Amsi, in 2 anni 225 medici e infermieri morti in aree crisi mediterraneo

Aodi, solidarietà a Msf ma anche appello a Europa per tutele operatori e 'mappa' attività Ong

Amsi, in 2 anni 225 medici e infermieri morti in aree crisi mediterraneo

Roma, 17 ago. (AdnKronos Salute) - "Negli ultimi due anni i medici e gli infermieri hanno pagato un prezzo elevatissimo per svolgere il loro lavoro in Libia, Iraq, Siria, Yemen. Si contano ben 225 morti. Non è accettabile, gli operatori devono essere tutelati". E' l'appello di Foad Aodi, presidente dell'Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e della neonata Unione medica euromediterranea, che esprime solidarietà a Medici senza frontiere per l'attacco all'ospedale in Yemen dei giorni scorsi.

"Come unione medica euromediterranea - annuncia Aodi all'AdnKronos Salute - chiederemo all'Unione europea azioni concrete per una maggiore tutela dei medici e degli operatori che lavorano nelle ong nei Paesi a rischio. Chiediamo anche alla cooperazione italiana di avere un maggior ruolo di coordinamento. E' fondamentale, per esempio, avere una mappa - visibile a tutti e che oggi manca - delle attività delle ong, tutte non solo le maggiori. E questo sia per la sicurezza degli operatori sia per la trasparenza", conclude Foad Aodi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa