WHATSAPP: 349 88 18 870

Sanità: Msf, colera ad Haiti dopo uragano, servono acqua e cure

Le équipe della ong nelle zone colpite, ferite infette e ospedali distrutti

Sanità: Msf, colera ad Haiti dopo uragano, servono acqua e cure

Milano, 11 ott. (AdnKronos Salute) - Dopo l'uragano, il colera. Ad Haiti servono acqua pulita e cure mediche per contrastare l'infezione diagnosticata in diversi casi e le ferite contaminate, segnalano le èquipe di Medici senza frontiere presenti sull'isola dopo il passaggio di Mattew. Il personale della ong sta continuando la propria azione di valutazione dei bisogni nelle aree più colpite, sulla penisola di Tiburon e nei dipartimenti di Artibonite e del Nordovest.

A Jérémie - riferisce l'associazione - Msf ha trovato l'ospedale principale danneggiato e senza acqua né elettricità. C'è un numero significativo di sopravvissuti all'uragano con ferite infette e ci sono casi di colera. Il personale di Medici senza frontiere ha effettuato 250 consultazioni mediche questo fine settimana. A Port-à-Piment le persone bevono acqua da fonti non trattate e si sono verificati casi di colera. Un'équipe di Msf ha portato forniture mediche in città e ha curato 39 malati di colera. A Petite Rivière de Nippes sono state circa 200 le consultazioni mediche negli ultimi 2 giorni. Si è riscontrato un numero piuttosto alto di ferite ai piedi, perché le persone camminano in aree allagate e viene riferito che in molti bevono l'acqua del fiume per la mancanza di acqua pulita.

Un gruppo di Msf che ha raggiunto i dipartimenti di Artibonite e del Nordovest - prosegue l'associazione - ha rilevato che diversi centri sanitari e centri per il trattamento del colera sono stati danneggiati, così come i pozzi e la rete idrica. Molte fattorie hanno subito danni. La popolazione sta raccogliendo l'acqua dai fiumi o da altre fonti non trattate. Il personale di Medici senza frontiere sta lavorando per raggiungere altre aree di Haiti colpite dall'uragano, nella zona sud-occidentale. L'accesso resta difficile per il danneggiamento di ponti e strade, spiega l'organizzazione umanitaria che sta organizzando per i prossimi giorni la valutazione dei bisogni nella vicina zona montuosa.

Oltre a questi interventi - si ricorda in una nota - Msf gestisce numerosi progetti nella zona metropolitana di Port-au-Prince: il reparto ustioni nell'ospedale di Drouillard, il centro di emergenza di Martissant 25, l'ospedale di chirurgia d'urgenza di Nap Kenbe, il centro di emergenze ostetriche (Cruo), la clinica Pran Men'm per le vittime di violenza sessuale e il centro di trattamento del colera Figaro che può essere operativo in poche ore. La ong supporta anche il centro per pazienti affetti da colera a Diquini.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

I controlli antiterrorismo a Catania

 
Catania, sventata rapina a Tir, sei arresti

 
Comiso, ecco il piromane del Comune

 

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa