WHATSAPP: 349 88 18 870

Animali: in vacanza con oltre l'87% degli italiani

Osservatorio QuattroZampeInFiera, oltre la metà disposta a cambiare piani per amore di cani e gatti

Animali: in vacanza con oltre l'87% degli italiani

Roma - L'87,65% degli italiani trascorrerà le vacanze estive con il suo amico a quattro zampe. Questo il dato emerso dall'Osservatorio di QuattroZampeInFiera (Fiera di Novegro, 10-11 giugno), che in vista del periodo estivo ha indagato sulle abitudini dei proprietari di cani e gatti in tempo di ferie. Ne emerge un quadro di particolare attenzione al benessere psicofisico dei propri animali, teso a evitare il distacco, seppur temporaneo. Una media altissima di padroni coscienziosi e affezionati non rinuncia così a trascorrere le proprie vacanze insieme a Fido o Micio, con un'eccellenza per la città di Milano che arriva a toccare il 92,73%. Risulta inoltre che più della metà degli intervistati (57,18%) è disposta a modificare i propri piani o abitudini di vacanza per amore dei loro amici animali.

Una seconda ricerca condotta dall'Osservatorio riguarda l'attenzione rivolta all'educazione e ai comportamenti del cane, e il valore riconosciuto dai padroni alle attività sportive per il benessere del proprio amico a quattro zampe. Per quanto una formazione, almeno di base, venga vivamente consigliata dagli esperti, in Italia (senza grandi differenze tra Nord, Centro e Sud) solo il 40% dei proprietari di cani ritiene utile o importante frequentare lezioni presso un istruttore cinofilo per guidare i primi passi del proprio cucciolo o del nuovo arrivato in famiglia, mentre poco più della metà (55,67%) si rivolge a professionisti se non altro in caso di comportamenti anomali da decifrare o correggere (con punte intorno al 60% per Milano e Roma). La media dei due dati racconta che meno della metà dei padroni (47,4%) si affida a esperti. Il dato relativo all'educazione, rispetto all'Osservatorio del 2015, è in crescita di un buon 10%: si è infatti passati dal 29,83% al 39,13% di cani, ma soprattutto padroni, 'istruiti'.

All'attività fisica viene data invece maggiore importanza, con una media nazionale del 65,7%. La palma di città più 'sportiva' va a Padova con il 73,39% di cani attivi, mentre le due metropoli hanno il dato più basso (Milano 59,26% e Roma fanalino di coda con il 57,14%).

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa