home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Anche a Catania "Pint of Science": scienziati al pub per spiegare scoperte

Dal 15 al 17 maggio in 11 Paesi del mondo e in 18 città italiane. Nella città etnea sono tre i locali coinvolti

Anche a Catania "Pint of Science": scienziati al pub per spiegare scoperte

Roma - Pianeti extrasolari, evoluzione umana, terremoti, interazione tra flora batterica e sistema immunitario, neuroscienza e relazioni sociali sono tra i temi chiave della ricerca, ma la scienza può essere accattivante anche per i non addetti ai lavori. A dimostrarlo sarà un piccolo esercito di scienziati e ricercatori che, dal 15 al 17 maggio, invaderanno i pub di 11 Paesi del mondo per la manifestazione "Pint of Science": una kermesse sulla divulgazione scientifica, sulle scoperte e sulla ricerca, che coinvolge anche 18 città italiane, Trento, Rovereto, Torino, Milano, Pavia, Genova, Padova, Trieste, Bologna, Siena, Pisa, Lucca, Roma, Napoli, Bari, Avellino, Catania, Palermo, e 11 Paesi al mondo (UK, Francia, Germania, Giappone, Tailandia, Austria, Spagna, Australia, Canada, Sud Africa e Brasile) rendendola di fatto la più grande manifestazione mondiale del suo genere.

Pint of Science apre così le porte dell'astrofisica, della fisica o della medicina al grande pubblico, gratuitamente e a ingresso libero, in cui tutti lavorano su base volontaria. Nel nostro Paese, la manifestazione è organizzata dall'associazione culturale no-profit Pint of Science Italia ed è realizzata grazie al supporto dell'Istituto nazionale di fisica nucleare, dell'Associazione italiana sclerosi multipla (università degli Studi di Roma La Sapienza), dell'Istituto Pasteur Italia (Fondazione Cenci Bolognetti), e dell'Istituto nazionale di astrofisica a livello nazionale.

Pint of Science "risponde alla curiosità delle persone che vogliono conoscere le ultime frontiere della ricerca e dà modo ai ricercatori, che la scienza la fanno tutti i giorni, di raccontarla. Al bar con una birra in mano, in modo divertente, si condividono le scoperte che miglioreranno il nostro futuro", spiega Ilaria Zanardi, responsabile nazionale e presidente di Pint of Science Italia.

"Il successo delle edizioni passate e l'entusiasta partecipazione di pubblico ci hanno chiaramente mostrato la volontà delle persone di essere maggiormente coinvolte nella ricerca scientifica", commenta Marialba Ventricelli, coordinatrice locale di Pint of Science a Roma. "E' questa consapevolezza, unita ovviamente a un grande amore per la scienza, che ci hanno spinto anche quest'anno a mobilitarci per organizzare a Roma il Pint of Science, un’occasione informale e unica per conoscere in prima persona i protagonisti di questo così affascinante settore della conoscenza".

In particolare, nella Capitale l'evento prende forma in 4 pub del centro, nei locali 'Le Mura' in via di Porta Labicana, 'Wishlist Club' in via dei Volsci, 'Stavio' in via Antonio Pacinotti e 'Redrum' in via Ostiense, che metteranno i loro bar a disposizione di scienziati e giovani ricercatori di fama internazionale per parlare della conoscenza 'armati' di pinte di birra.

Pint of Science nasce in Inghilterra nel 2012, da un'idea di due ricercatori dell'Imperial College, Michael Motskin e Praveen Paul, che diedero vita all'appuntamento 'Meet the Researchers' (Incontra i ricercatori). L'iniziativa consentiva ad alcuni malati di Parkinson, Alzheimer, malattia del motoneurone e sclerosi multipla di recarsi nei laboratori dei due scienziati a vedere quale tipo di ricerca facessero. L'evento fu molto motivante sia per i visitatori sia per i ricercatori che fecero una veloce riflessione: se le persone vogliono entrare nei laboratori e incontrare i ricercatori, perché non portare i ricercatori fuori a incontrare le persone? E' nato così Pint of Science e nel maggio 2013 si è tenuta la prima edizione che ha portato al grande pubblico alcuni dei più rinomati ricercatori che hanno raccontato il loro lavoro, le scoperte più innovative agli amanti della scienza e della birra. E' stato un successo strepitoso.

A Catania l'iniziativa sarà ospitata dai pub Mr Hyde Pub, Joyce Irish Pub e The Boozer.

Nove gli ospiti catanesi, scienziati di altissimo livello, che, in modo frizzante, si alterneranno in questa tre giorni di scienza a tutta birra! Tra gli ospiti dell’evento a Catania, l’astrofisica Eloisa Bentivegna (Università di Catania), impegnata nello studio delle onde gravitazionali, il vulcanologo Marco Viccaro (Università di Catania) che ci svelerà i segreti dell’Etna, la biologa marina VirginIa Sciacca (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) che studia i suoni nelle profondità, l’informatico Giovanni Gallo (Università di Catania) che parlerà di realtà virtuali. Spumeggiante anche il team locale fatto da brillanti ricercatori tutti animati non solo dalla passione per la ricerca ma anche della divulgazione, naturalmente, sorseggiando una buona birra.

Durante ciascuna serata sono previsti circa 40 minuti di presentazione interattiva del relatore seguita da un informale dibattito. Nell’edizione di quest’anno ci saranno gadget “Pint of Science” per tutti i sostenitori che contribuiscono con una offerta libera e premi speciali per le domande più interessanti.

Pint of Science è un evento completamente gratuito e non a scopo di lucro, che esiste grazie al contributo degli sponsor principali dell’evento: Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Istituto Nazionale di Astrofisica, Istituto Italiano di Tecnologia, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, Istituto Pasteur Italia (Fondazione Cenci Bolognetti) e Lantech Solutions. Inoltre ogni città si avvale del sostegno di numerose realtà locali senza le quali la manifestazione non esisterebbe. A Catania lo sponsor locale è il Centro Siciliano di Fisica Nucleare e Struttura della Materia, impegnato da oltre sessant’anni nella ricerca scientifica di base e applicata e nella formazione di giovani ricercatori.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 5
  • pinox

    10 Maggio 2017 - 20:08

    Fantastico. Però dal giornale di catania ci si poteva aspettare che scriveste che tra le 18 Città di Pint of Science c'è anche Catania. http://catania.liveuniversity.it/2017/05/10/catania-pint-of-science-scienza-spiegata-birra/

    Rispondi

  • alessia2703

    10 Maggio 2017 - 20:08

    Bellissimo che La Sicilia.it riporti la notizia di Pint of Science. Peccato pero' non spendere neanche una parola per dire che tra le 18 città italiane ci sia anche Catania e riportare il programma di Roma anziché quello che si svolgerà nella nostra città che vedrà nove scienziati di fama internazionale alternarsi per raccontare la scienza in modo divertente. Un'altra occasione persa di valorizzare Catania...non lamentiamoci se poi i ragazzi se ne scappano se la prima testata di Catania preferisce segnalare gli eventi di Roma invece che quelli Catania.

    Rispondi

    • Alfredo Zermo

      10 Maggio 2017 - 22:10

      Gentile lettrice, grazie per la segnalazione. La notizia che lei ha letto e commentato fa parte di un notiziario dell'agenzia Adnkronos al quale siamo abbonati e quindi non è stata inserita dalla nostra redazione ed per questo che riporta il programma romano e non quello di Catania. Ma nel ringraziarla nuovamente per averci segnalato l'evento, le assicuro che al più presto inseriremo un contenuto sulla manifestazione che si svolgerà nella nostra città. LA REDAZIONE de LASICILIA.it

      Rispondi

      • pinox

        11 Maggio 2017 - 07:07

        Speriamo bene! La questione della promozione della cultura scientifica e delle infrastrutture della cultura a Catania è importantissima per il nostro futuro. Limitarsi, come un tempo, al campanilismo non è buona informazione. Ma di contro scordare quello che Catania può offrire, alimentando il mito dell'emigrazione culturale, è devastante.

        Rispondi

        • alessia2703

          12 Maggio 2017 - 22:10

          Non ci possiamo più lamentare! Abbiamo lo stesso pezzo di prima, il programma dettagliato di Roma e in coda anche dieci righe su Catania. Mi sembra un discreto successo! Dimenticavo Catania compare anche nel titolo non potevamo pretendere di più.

          Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa