WHATSAPP: 349 88 18 870

EVA ROBIN’S: «LA DONNA SECONDO ME? SENSUALE E SUI TACCHI»

L'idea di femminilità dell'icona trans degli anni 80-90, madrina del Giacinto Festival di Noto

Eva Robin's

Eva Robin's (ph di Ennio D'Altri)

Seduta su una sedia in mezzo al prato davanti alla foresteria che la ospita a Moncalieri, alle porte di Torino. Eva Robin’s è immersa nelle prove de Il Giardino dei Ciliegi di Čechov, per la regia di Valter Malosti che debutterà l’11 ottobre al teatro Carignano del capoluogo piemontese. «Il regista ha ritagliato un piccola parte per me, una governante non più giovanissima ma che si sente ancora una ragazza: non lo è ma in fondo da lontano non si vede».

Eva, all’anagrafe Roberto Maurizio Coatti, è l’icona transgender degli anni Ottanta e Novanta, è stata sex symbol e sogno erotico italiano, un ruolo vissuto con consapevolezza e forse scaltrezza, ma senza essere mai subito. Non ha mai cancellato dal suo corpo gli attributi maschili, ma ha sempre scelto un ruolo femminile. Una dimensione che ha sempre vissuto come un punto di forza e adesso anche con grande ironia, facendone la sua “arma” nella carriera nel mondo dello spettacolo cominciata come cantante (Cassandra) e sfociata nel cinema e nel teatro. Un’arte, quest’ultima, che ha praticato sin da piccola e che ancora oggi è il suo “rifugio” irrinunciabile. «A otto anni sono salita sul palco e non ho più smesso. Del teatro non mi stancherò mai, perché mi dà la possibilità di trovare altre dimensioni espressive del corpo e quando un regista mi sceglie per fare un ruolo particolare mi sento molto lusingata, mi impegno molto, trovi grandi stimoli nella costruzione del personaggio. Per fortuna la memoria c’è ancora, e riesco a tenere in “magazzino” tre o quattro spettacoli». Adesso c’è da affrontare Čechov, ma Eva da tanti anni calca i palcoscenici, tantissimi sotto la guida di Andrea Adriatico. Ha avuto ruoli in tanti spettacoli, da Beckett a Shakespeare, dalla riduzione teatrale di Tutto su mia Madre di Almodovar a un testo di Simona Vinci (Porta della Rocca Ostile) girando tutta l’Italia. E anche la Sicilia.

Continua a leggere su www.siciliainrosa.it

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa