home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

CALCIO GIOVANILE

DON BOSCO ARDOR SALES – TEAMSPORT MILLENNIUM

Partita sospesa al termine del primo tempo sul punteggio di 1-2-

Giornata da tregenda al San Filippo Neri di Catania. Dopo un primo tempo intenso le squadre sono costrette ad ammainare bandiera bianca

Ardor Sales-Team Sport

Pioggia a catinelle al San Filippo Neri

DON BOSCO ARDOR SALES: Di Bella, Failla, Cocivera, Fasanaro, Lauria, Guida, E. Rizzo, F. Di Mauro, Saltalamacchia, Condorelli, Abate. In panchina: Ginesi, Pulvirenti, Mirabella, A. Rizzo, Corvaglia, Grasso, Favara. All. Giovanni Desi.

TEAMSPORT MILLENNIUM: Tosto, Spampinato, Solferino, Musumeci, G. Di Mauro I, Faro, Mertoli, F. Valenti, A. Valenti, Fichera, Cappello. In panchina: Armao, Martines, Azzarelli, Scuderi, Maccarrone, G. Di Mauro II, Intravaia. All. Vincenzo D’Ignoti.

 ARBITRO: Antonio Pappalardo di Acireale.

RETI: F. Valenti (T) al 10’, Abate (D) al 21’, Cappello (T) al 23’ p.t.

NOTE: circa 30 spettatori. Gara sospesa dopo trentacinque minuti a causa delle condizioni del terreno di gioco, reso impraticabile dalla pioggia battente. Nessun ammonito. Recupero p.t. 0’.

CATANIA. Che divertimento al “S. Filippo Neri”, dove, almeno per una frazione, i ventidue ragazzi di Don Bosco Ardor Sales e Teamsport Millennium hanno riscoperto l’essenza del gioco ancor prima che quella del calcio. Scivoloni a destra e a manca e strette di mano a ripetizione per tirare su da terra gli avversari impanatisi nel fanghiglia generata dal mix tra terra battuta e acqua. E pure tre gol, peraltro belli. Valenti ha trovato la porta di sinistro, sugli sviluppi di un corner calciato dalla destra. Abate ha bucato Tosto (punizione) pennellando un ottimo destro sul palo lungo e Cappello ha battuto Di Bella, ingannato da una pozzanghera, sfruttando la corta respinta dell’estremo difensore su un primo tentativo di Musumeci. Tutto ciò, mentre dal cielo sembrava dovesse venire giù tutto, finché l’arbitro non ha deciso di sospendere la gara. Una scelta obbligata, quella di Pappalardo di Acireale, che al rientro dalla pausa si sarebbe trovato a fronteggiare una situazione più vicina alla pallanuoto.

 

Simone Toninato

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO