WHATSAPP: 349 88 18 870

È primavera, siete tutti cacoccioli

È primavera, siete tutti cacoccioli

Una rondine non fa primavera ma un cacocciolo arrustuto sulla brace sì, almeno da noi in Sicilia. Mentre altrove i nasi si impennano alla ricerca di un aroma di zagara, di fiore che fiorisce, di natura che sbadigliando si risveglia sensuale, noi attisiamo i sensi alla ricerca dell’odore di cacocciolo arrustuto: se all’improvviso entriamo in una coltre di nebbia profumatissima allora sì, la primavera è arrivata, le piogge sono lontane e il focolare si può addumare per strada. Perché il vero, originale, rinomatissimo “street food” non è l’arancino, ma il cacocciolo arrustuto, arrustuto sulla brace, e per strada, altrimenti, non so per quale legge misterica sicula, non sape di cacocciolo arrustuto.
Esso ci rappresenta: la cacocciolitudine è la rappresentazione visiva e allegorica dell’animo siculo che, all’improvviso, in primavera, si incacocciola, diventa cioè dire preda della natura che fiorisce, che si attisa verso la luce dopo l’inverno, e così noi siculi, attisandoci, ci incacoccioliamo, da cui il detto “ma stai facendo il cacocciolo con quella?”. Anche la donna, ovviamente (questa rubrica è per la parità dei sessi), si incacocciola: “Ma dai, guarda che ti ho visto che stavi facendo la cacocciola con quello!”, “Chi, io? No!” (e invece sì).
Tra il cacocciolo e l’arancino questa rubrica è tutta dalla parte del cacocciolo. Se infatti l’arancino con i piedi non è locuzione positiva, il cacocciolo “additta” rimanda alla mente la visione di un individuo contemplativo, immerso, ipnotizzato quasi, dalla Sicilia bedda che si prepara a dare il meglio di sé, magari non molto intelligente e però spiritualmente elevato, fiorito, attisato, appunto incacocciolato.
E se però riservassimo la nostra cacocciolitudine sono a questo periodo, quando l’anima e la natura ritrovano l’armonia, quanto sarebbe meglio. Perché il cacocciolo è beatitudine e dannazione per il siculo, che, e ditemi se non ho torto, corre sempre il rischio di essere “bello cacocciolo”. Ergo cacocciolo in primavera sì, ma se fate il cacocciolo tutto l’anno finite che fate la figura del cacocciolo.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

© DIREZIONE LA SICILIA - I contenuti di questa sezione sono prodotti e inseriti autonomamente dagli autori. Pertanto sono riconducibili alla diretta responsabilità dei blogger e non sono in alcun modo espressione dell’Editore, della Direzione e della Redazione di questa testata.

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO