WHATSAPP: 349 88 18 870

Ca­ta­nia, alla Ci­vi­ta i re­sti del­la chie­sa de­scrit­ta da Ver­ga, che dava ac­ces­so al re­gno dei mor­ti

Del­la chie­sa del San­tis­si­mo Sal­va­to­re, oggi ri­ma­ne una cap­pel­la in cui è con­ser­va­to il bu­sto li­gneo raf­fi­gu­ran­te Gesù Cri­sto Re­den­to­re del Mon­do, rea­liz­za­to se­con­do la tra­di­zio­ne in­tor­no al 1532. L’e­di­fi­cio sa­cro che si af­fac­cia­va sul mare fu de­mo­li­to du­ran­te l’U­ni­tà d’I­ta­lia a se­gui­to del­la co­stru­zio­ne del­l’as­se fer­ro­via­rio

Continua a leggere su Google Play Edicola

Ca­ta­nia, alla Ci­vi­ta i re­sti del­la chie­sa de­scrit­ta da Ver­ga, che dava ac­ces­so al re­gno dei mor­ti

«La chie­suo­la era an­co­ra bian­ca nel­l’az­zur­ro, ap­pol­la­ia­ta come un gab­bia­no in cima allo sco­glio al­tis­si­mo che scen­de­va a pic­co sino al mare». Un’im­ma­gi­ne te­nue. Un lie­ve trat­to di pen­nel­lo su un fan­ta­sti­co rac­con­to del pas­sa­to. In­ve­ce no. La sto­ria che stia­mo per rac­con­ta­re ap­par­tie­ne sì al pas­sa­to, ma è tut­t’al­tro che frut­to del­l’im­ma­gi­na­zio­ne. Que­ste pa­ro­le di Ver­ga così evo­ca­ti­ve, trat­te dal­la no­vel­la “La fe­sta dei mor­ti”, fan­no ri­fe­ri­men­to ad una strut­tu­ra che lo svi­lup­po ur­ba­ni­sti­co del­la Ca­ta­nia ot­to­cen­te­sca ha to­tal­men­te di­vo­ra­to. Si trat­ta del­la Chie­sa del SS.mo Sal­va­to­re, un tem­po ubi­ca­ta su una sco­glie­ra, al di là del­le mura cit­ta­di­ne, nei pres­si del­lo sto­ri­co quar­tie­re del­la “Ci­vi­ta”. La sto­ria, i rac­con­ti po­po­la­ri, le in­ci­sio­ni di sva­ria­ti ar­ti­sti han­no con­tri­bui­to ad ali­men­ta­re le più sva­ria­te leg­gen­de su que­sto edi­fi­cio sa­cro. Ma cosa re­sta oggi del­la chie­set­ta che un tem­po era a guar­dia del­la co­sta cit­ta­di­na?

Il quar­tie­re del­la “Ci­vi­ta” è sen­za dub­bio uno fra ì più ric­chi di sto­ria tra quel­li che co­stel­la­no il tes­su­to ur­ba­no del ca­po­luo­go et­neo. Pare che la fon­da­zio­ne ri­sal­ga alla do­mi­na­zio­ne ara­ba del­la cit­tà in­tor­no al X Se­co­lo d.C., ma il suo com­ple­to svi­lup­po si rea­liz­zò con­te­stual­men­te alla co­stru­zio­ne del­le cin­que­cen­te­sche mura di Car­lo V. La “Ci­vi­ta” di­ven­ne quin­di, se­con­do quan­to sug­ge­ri­to dal nome, una for­ti­fi­ca­zio­ne a di­fe­sa del­l’in­te­ro com­ples­so cit­ta­di­no. Quar­tie­re di prin­ci­pi e pe­sca­to­ri, cam­biò par­zial­men­te le pro­prie ca­rat­te­ri­sti­che a se­gui­to del­l’im­po­nen­te eru­zio­ne la­vi­ca del 1669 e del ter­re­mo­to del 1693. A mu­tar­ne dra­sti­ca­men­te l’a­spet­to, fu, tut­ta­via, la mano del­l’uo­mo. Ne­gli anni che se­gui­ro­no l’U­ni­tà d’I­ta­lia fu av­via­to il pro­ces­so di co­stru­zio­ne del­l’as­se fer­ro­via­rio. Ciò, evi­den­te­men­te, com­por­tò la de­mo­li­zio­ne di buo­na par­te del­l’ar­re­do ur­ba­no, com­pre­se le mura di cin­ta e la Chie­sa del SS.mo Sal­va­to­re, che già era sta­ta in­glo­ba­ta nel pri­mi­ti­vo por­to del­la cit­tà.

Pas­seg­gian­do per Via Du­smet e co­steg­gian­do gli “ar­chi del­la ma­ri­na”, è pos­si­bi­le ri­sco­pri­re, oggi, quan­to ri­ma­ne di que­sta pic­co­la chie­sa. Del­la strut­tu­ra ori­gi­na­le, or­mai, non vi è più trac­cia. Tut­ta­via, per­si­ste qual­che ar­re­do che la tra­di­zio­ne vuo­le col­lo­ca­to an­ti­ca­men­te al­l’in­ter­no del­l’e­di­fi­cio sa­cro. Non tut­ti san­no, in­fat­ti, che nel­la se­con­da metà del XIX se­co­lo fu co­strui­ta una cap­pel­la nel­le im­me­dia­te vi­ci­nan­ze del­la pri­mi­ge­nia chie­set­ta. Il com­ples­so ar­chi­tet­to­ni­co, dal­le sem­bian­ze mol­to scar­ne, ospi­ta at­tual­men­te un bu­sto li­gneo raf­fi­gu­ran­te Gesù Cri­sto Re­den­to­re del Mon­do, che se­con­do la tra­di­zio­ne pare es­se­re sta­to rea­liz­za­to in­tor­no al 1532 e che an­ti­ca­men­te era cu­sto­di­to nel­la Chie­sa del SS.mo Sal­va­to­re. La cap­pel­la de­di­ca­ta a San­t’A­ga­ta alla Ma­ri­na o, se­con­do al­tri, a San­ta Ma­ria in Por­to­sal­vo, non è un luo­go di cul­to par­ti­co­lar­men­te fre­quen­ta­to. Pro­ba­bil­men­te an­che a cau­sa del­la non age­vo­le po­si­zio­ne. Di si­cu­ro, ha per­so quel­l’au­rea di mi­ste­ro che ca­rat­te­riz­za­va l’or­mai scom­par­sa chie­set­ta, de­scrit­ta in modo ma­gi­stra­le da Gio­van­ni Ver­ga. Ba­sti pen­sa­re che lo scrit­to­re ca­ta­ne­se im­ma­gi­na­va che al di sot­to di essa vi fos­se una ca­ver­na che fun­ge­va da col­le­ga­men­to con il re­gno dei mor­ti.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

© DIREZIONE LA SICILIA - I contenuti di questa sezione sono prodotti e inseriti autonomamente dagli autori. Pertanto sono riconducibili alla diretta responsabilità dei blogger e non sono in alcun modo espressione dell’Editore, della Direzione e della Redazione di questa testata.

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO