home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Le serenate di Mario Giangreco, menestrello novantenne

Ex postino di Grammichele, l'arzillo vecchietto è un cantante per passione che canta ancora, accompagnato da un fisarmonicista, sotto balconi e finestre dei nostalgici delle canzoni di un tempo

Le serenate di Mario Giangreco,  menestrello novantenne

Grammichele (Catania) - Ha tagliato l’invidiabile traguardo dei 90 anni di età uno degli ultimi menestrelli in attività. Mario Giangreco, ex postino grammichelese, cantante per vocazione e passione, è uno di quei personaggi, una specie in via di estinzione, che ancora oggi, accompagnato con la fisarmonica da Pippo Munafò, a richiesta e senza alcun compenso, “porta le serenate” sotto i balconi e le finestre dei nostalgici delle vecchie canzoni o come “regalo” ai tantissimi e affezionati amici.

Mario, come lo chiamano i suoi tanti conoscenti, è uno che certamente non passa inosservato, non soltanto perché alla sua veneranda età e con la sua voce ardita allieta le notti estive, le domeniche e le feste in un noto agriturismo, ma anche perché è un censore della vita cittadina, apostrofando questo o quell’altro personaggio, sulla base di personali conoscenze o da notizie apprese dal nostro quotidiano del quale è un affezionato lettore.

Vedovo da tempo e senza figli, Mario scandisce come un orologio le sue giornate: la mattina al bar per la colazione e l’immancabile sfogliata del giornale per essere “informato” e poi la quotidiana passeggiatina con il fido nipote Marcello, la domenica e le feste in un noto agriturismo, per allietare forestieri e turisti che rimangono estasiati dalle perfomances canore di questo menestrello che conosce a menadito centinaia di canzoni dei tempi che furono e ancor oggi attualissime.

«Le canzoni e la musica - dichiara Mario - sono la mia vita e le mie compagne quotidiane: mi distolgono dai miei pensieri, mi fanno sentire, malgrado l’età, sempre giovane e, perché no, amato da quanti mi conoscono».

Recentemente, in occasione di una festa cittadina, ha reso “frizzante” la giornata cantando nei circoli di piazza Carafa e all’aperto, facendo ballare quanti ascoltavano la sua voce stentorea, perché Mario lo si sente e lo si ama, perché è unico ed è sempre il menestrello che non perde occasione per regalare a tutti il suo naturale dono: una voce piena di passione per le canzoni intramontabili.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO