home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Priolo, gettone di presenza aumentato del 417%: Valenti rinviato a giudizio

L'ex presidente del Consiglio accusato, con un funzionario comunale, della delibera che portò il compenso da circa 30 a oltre 123 euro e per avere impedito il referendum che voleva "tagliarlo"

Priolo, gettone di presenza aumentato del 413%: Valenti rinviato a giudizio

Siracusa. Rinvio a giudizio con l’accusa di abuso d’ufficio per l’ex presidente del Consiglio comunale di Priolo Gargallo, Orazio Valenti, e per il funzionario Mario Privitera.

L’ha deciso il gip di Siracusa, Carmen Scapellato, che ha invece disposto il non luogo a procedure per gli altri sette indagati dell’inchiesta.

La vicenda ruota attorno all’incremento del gettone di presenza, pari al 417%, determinato con una delibera del 2003 che permise di passare da 30,25 a 123,50 euro a seduta. L'indagine del pm Tommaso Pagano riguarda la mancata indizione di un referendum popolare per abbassare il gettone di presenza dei consiglieri: secondo l’accusa, nel 2013 al promotore della consultazione sarebbe stato impedito «di avere un incontro con la commissione, per discutere e chiarire l’iter del referendum consultivo».

La mancata indizione del referendum avrebbe permesso ai consiglieri di percepire un gettone di presenza indebito, perché quantificato in misura superiore al limite previsto dalla normativa.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO