home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

«Ragazzo morto? Un terrone in meno da mantenere», condannato operaio torinese

L'uomo di 42 anni, aveva scritto parole offensive nei confronti di un diciassettenne deceduto dopo un mese di agonia a seguito di un incidente stradale. Ha patteggiato una multa di mille euro

«Ragazzo morto? Un terrone in meno da mantenere», condannato operaio torinese

Un operaio di 42 anni di Settimo Torinese ha patteggiato davanti il Tribunale di Siracusa una condanna a mille euro oltre spese processuali per aver scritto su Facebook , con un falso profilo, «Sono felicissimo un terrone in meno da mantenere» riferendosi alla morte di Stefano Pulvirenti, 17 anni, siracusano, deceduto in un incidente stradale dopo 23 giorni di agonia nel novembre 2015.

«Quando vedo queste immagini - aveva ancora scritto l'operaio - e so che nella bara c'è un terrone ignorante, godo tantissimo. Peccato che ero al Nord altrimenti avrei c.. su quella bara bianca. Buonasera terroni merdosi. Non è morto nessuno di voi oggi?».

Dopo la denuncia di alcuni amici e compagni della vittima, la procura aveva incaricato i carabinieri del nucleo investigativo telematico di scoprire chi si nascondesse dietro al profilo Facebook. La notizia è stata pubblicato oggi su alcuni quotidiani siciliani.

Gli investigatori all’inizio del 2016 diedero un nome a chi si nascondeva dietro il falso profilo del social. Poi la richiesta di giudizio per diffamazione aggravata da odio razziale e la condanna. Il procedimento ora passerà in sede civile con una richiesta di risarcimento.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 4
  • franccel

    23 Febbraio 2018 - 12:12

    Indovinate chi vota questo soggetto. Quello che tanti siciliani hanno acclamato insieme al pregiudicato e alla fascista romana.

    Rispondi

  • enzo1361

    24 Febbraio 2018 - 10:10

    1000 euro?Come è bravo a nascondersi dietro un pc.Vieni giù e diglielo al padre di quella povera vittima,quello che hai scritto,e poi vediamo se avrai la forza di scriverlo di nuovo,verme...

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO