home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Avola, nella spazzatura dell'ospedale centinaia di "lancette" per misurare la glicemia

La denuncia dei sindacati, l'Asp di Siracusa ha aperto una indagine interna. Ogni singola confezione costa quasi 30 euro

Avola, nella spazzatura dell'ospedale centinaia di "lancette" per misurare la glicemia

Avola. Quasi 150 confezioni di lancette per il controllo dei valori glicemici ancora intatti gettati nel cassonetto dell'Ospedale Di Maria. Ogni confezione costa all'azienda sanitaria provinciale 26 euro e 99 centesimi. Come buttare al vento 4 mila euro di soldi pubblici. Così in maniera inspiegabile.

Martedì pompeggio Eugenio Cosetta sindacalista della Uil fpl, era in visita ad un parente ricoverato all'Ospedale Di Maria, quando è stato avvicinato da un signore che l'ha informato che molti farmaci erano stati buttati nel cassonetto dell'immondizia, nell'ingresso posteriore del nosocomio.

GUARDA LA FOTOGALLERY

"Volevo - dice Cosetta - vedere di persona cosa fossero. Mi sono subito recato sullo scivolo che porta ai piani interrati, per intenderci nel lato dell'ospedale dove c'è l'elisoccorso, e lì ho fatto l'amara scoperta. Centinaia di confezioni di lancette della Roche, per il controllo dei valori glicemici, con scadenza maggio 2018 - (lotto wp 140026 quindi facilmente rintracciabili) dal prezzo di € 26,99 per confezione, buttate nella spazzatura e per terra fuori dal cassonetto dei rifiuti assimilabili ai rifiuti urbani. Sicuramente un danno economico erariale, mentre nel territorio le stesse lancette vengono lesinate ai cittadini affetti da diabete che ne fanno legittimamente richiesta".

Tutti i reparti del Di Maria hanno in dotazione il prodotto, ma da una prima indagine non hanno la stessa marca. La farmacia dell'ospedale non si esprime al momento aspettando di fornire le spiegazioni all'Asp che ha avviato un indagine per cercare di individuare i responsabili. Cosetta ha inviato una lettera al direttore generale dell'Asp 8 Salvatore Brugaletta.

"Registriamo - dice il sindacalista - un forte disimpegno e un lassismo assoluto da parte dei dirigenti del presidio ospedaliero, preposti alla vigilanza, al controllo e al rispetto delle regole delle risorse aziendali. La cinghia è troppo stretta per continuare a non vedere e a consentire questa vergogna, questo spreco di denaro pubblico e di presidi sanitari".

Tramite il lotto del prodotto e la scadenza dello stesso si potrà facilmente capire a quale utenza ospedaliera era destinato o era in dotazione. Resta, al momento, il perché dell'abbandono proprio al Di Maria, un nosocomio che non utilizza quella marca di prodotto.

"Risulta inspiegabile una cosa del genere. Spesso - dice Cosetta - l'amministrazione nega agli utenti o riduce la consegna delle linguette e delle lancette per fare l'esame della glicemia e poi riscontriamo un centinaio di confezioni buttate nei cassonetti. Sono indignato rispetto a chi doveva vigilare e a chi materialmente ha commesso questa cosa".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Anna4

    22 Dicembre 2016 - 18:06

    Le lancette pungidito non costano la cifra riportata.Detto questo si dovrebbe lavorare con le persone affette da diabete di tipo 2.Mediamente menefreghisti e tendenti a nn fare controlli. Soprattutto perche' hanno scarne informazioni e spesso nn corrette. A scapito di chi ,come me, si cura con attenzione e che subisce la riduzione dei reatrivi.Diabetica da piu' di 30 anni.Tipo 1 please

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO