home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Priolo, faceva attentati in cambio di un posto di lavoro

La Polizia di Siracusa ha arrestato due persone: tra il 2014 e il 2016 avevano messo paura nell'area industriale per dirimere questioni personali

Priolo, faceva attentati in cambio di un posto di lavoro

Marco Di Giandomenico

Aveva assoldato quattro persone con la promessa di un posto di lavoro nella zona industriale siracusana per, secondo l’accusa, compiere attentati nei confronti di un uomo con il quale aveva contrasti di natura familiare.

Gli investigatori del commissariato di Priolo, sostengono di essere riusciti a ricostruire la vicenda, mettendo insieme i vari episodi che non erano stati denunciati dalla vittima.

La polizia ha così eseguito due misure cautelari nei confronti di Marco Di Giandomenico, 44 anni, operaio, sottoposto agli arresti domiciliari, ritenuto il mandante, e Claudio Rossitto, 31 anni, sottoposto al divieto di dimora nel territorio di Priolo Gargallo.

Quest’ultimo, insieme ad altri tre avrebbe eseguito gli attentati con la promessa di un posto di lavoro.
Messo alle strette dai poliziotti, la vittima ha rivelato di avere ricevuto aggressioni e intimidazioni dal dicembre 2014 ad aprile 2016. Prima il violento pestaggio: stordito con l'utilizzo di un teser era stato poi picchiato da due individui. Poi l’incendio della sua auto. Ed infine un ordigno esplosivo era stato fatto scoppiare sotto l’auto di un familiare.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO