home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Veleni alla Procura di Siracusa, arrivano gli ispettori del Csm

Esposti e scontri tra magistrati: nel mirino le denunce al vaglio della Procura di Messina

Veleni alla Procura di Siracusa, arrivano gli ispettori del Csm

SIRACUSA - Il Consiglio superiore della magistratura intende approfondire gli esposti e le denunce nei confronti di magistrati in servizio alla Procura aretusea, e che sono anche al vaglio della Procura di Messina.

Una delegazione della prima commissione del Csm, che si occupa delle incompatibilità dei magistrati, sarà al palazzo di giustizia di viale Santa Panagia il 12 e il 13 maggio per eseguire l’attività di accertamento. La prima commissione si occupa, oltre che dell’incompatibilità, anche di rapporti, esposti, ricorsi e doglianze concernenti magistrati e di richieste di tutela dell’indipendenza dei magistrati. Al vaglio della commissione, gli esposti e le denunce pervenute, a vario titolo, oltre che alla Procura di Messina, anche al Csm. Lo scenario disegnato in quest’ultimo periodo è caratterizzato da una serie di denunce di magistrati contro magistrati con tanto di esposti e di dichiarazioni pubbliche che danno il senso di una situazione impalpabile a chi osserva le vicende dall’esterno ma che per gli addetti ai lavori è la rappresentazione di un quadro scomodo quando non di vero disagio.

Per il Csm, insomma, Siracusa è considerata una situazione delicata cui prestare la massima attenzione. All’esposto presentato a suo tempo da otto magistrati siracusani sono seguite altre segnalazioni, denunce ed esposti, pervenute all’organo di autotutela dei magistrati, per finire con le recenti dichiarazioni rilasciate dal sostituto Giancarlo Longo a La Sicilia. Una lunga e appassionata difesa pubblica del magistrato, indagato dalla Procura di Messina per un’ipotesi di falso «in relazione ad alcune attività pregresse del suo ufficio».

Il procuratore capo Francesco Paolo Giordano mantiene il profilo basso che si è imposto da quando le vicende politico-giudiziarie si sono infittite. Dal momento del suo insediamento, il suo compito non è stato semplice, avendo ereditato un ufficio che aveva pagato a caro prezzo gli effetti dei cosiddetti “Veleni alla Procura di Siracusa”. Ha impresso il proprio stile sobrio alla Procura pretendendo dai tutti i suoi collaboratori impegno e dedizione.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO