WHATSAPP: 349 88 18 870

ROMA

Rio, Giochi aperti. Festa di diversità

Vanderlei ultimo tedoforo, fischi per Temer

Rio, Giochi aperti. Festa di diversità

ROMA, 6 AGO - Rio 2016 apre le sue Olimpiadi e sogna un mondo nuovo: più verde, senza intolleranza e ingiustizie. In una cerimonia di quattro ore piena di ritmo e allegria, il Maracanà si è trasformato in un sambodromo del Carnevale. Alla fine una sorpresa: l'ultimo tedoforo è stato Vanderlei Lima, maratoneta cui, per il blocco di un folle in strada, sfuggì l'oro di Atene 2004 poi andato a Baldini. Stasera è stato in parte risarcito con l'accensione del tripode. Assenti Pelè, Bolt e molti capi di Stato, lo stadio ha comunque ospitato forti emozioni e messaggi forti. Gisele Bundchen, in versione ragazza di Ipanema ha fatto cantare tutto lo stadio e incantato il mondo. All'ingresso degli azzurri, guidati dalla portabandiera Pellegrini, applausi del pubblico e di Matteo Renzi, a Rio con la moglie e uno dei figli anche per sponsorizzare Roma 2024. A dichiarare aperti i Giochi, il presidente ad interim del Brasile, Michel Temer, fischiato da una parte significativa dei presenti al Maracanà.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa