WHATSAPP: 349 88 18 870

E l’Akragas sognalo Scudetto della D«Battiamo il Sienae teniamoci Baiocco»

E l’Akragas sogna lo Scudetto della D «Battiamo il Siena e teniamoci Baiocco»

I biancazzurri dopo avere conquistato la Lega Pro puntano al Tricolore

E l’Akragas sogna lo Scudetto della D «Battiamo il Siena e teniamoci Baiocco»

All’ombra dei templi – e magari a queste latitudini – parlare di Scudetto è sempre stato un discorso da bar: Inter, Juve, Milan. Ora, come per incanto, si parla dello Scudetto – certo, quello dei dilettanti, ma sempre scudetto è – che l’Akragas sabato si giocherà contro la Robur Siena, una nobile decaduta che cerca di tornare nel calcio che conta. Per gli agrigentini pure la semifinale con la Maceratese, giocata a Macerata, è sembrata una passeggiata (e nonostante in tutta la stagione i marchigiani non avessero mai perso): 3 a 1 e finale conquistata in carrozza. Segnano De Rossi, l’esterno sinistro dirottato al centro della difesa, poi c’è (anche) un fortunato autogol maceratese e poi c’è il tris di Beppe Meloni, il bomber sardo al suo 21 centro in stagione. La finale si gioca sabato 30 alle ore 18 all’Helvia Recina di Macerata. «Abbiamo interpretato bene la gara fin da subito – ha detto il ds Antonello Laneri subito dopo il match a Radio Vela –. Ci siamo presi meritatamente questa vittoria in casa loro. Savanarola è uscito dal campo alla mezzora del primo tempo perchè colpito da un avversario, ma sta bene e con qualche punto di sutura si rimetterà in sesto. Ora giocheremo contro Siena, una squadra blasonata che pochi anni fa giocava in serie A. Ma non ci fa paura nessuno, vogliamo lo Scudetto, vogliamo vincere tutto quello che c’è da vincere. Baiocco? In questo periodo Davide sta parlando con il Catania, società a cui è molto legato e che gli ha offerto un ruolo dirigenziale. Vedremo come evolverà la situazione ad Agrigento e poi valuteremo se trattenerlo o fargli intraprendere questa nuova avventura. Per ora godiamoci questo bel momento, importante per noi e per tutta la città e i tifosi». Del resto sarebbe la conclusione di un’annata record per gli agrigentini che, dal cambio dell’allenatore alla sesta giornata con l’arrivo di Vincenzo Feola, hanno inanellato, fin qui, 35 risultati utili consecutivi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa