home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Abodi: «Ennesima violenza nei confronti del calcio»

Abodi: «Ennesima violenza nei confronti del calcio»

Abodi: «Ennesima violenza nei confronti del calcio»

ROMA - Il caso Catania è «l’ennesima violenza nei confronti del calcio, un tradimento verso tutti quelli che lo amano. Abbiamo bisogno di ulteriori anticorpi che diano sicurezza a tutto l’ambiente, anche se azzerare il rischio è praticamente impossibile». Il presidente della Lega di serie B, Andrea Abodi, auspica che il campionato cadetto abbia in sé l’antidoto per combattere il ripetersi di certi misfatti.  

Martedì a Pescara nascerà il calendario della stagione 2015-’16. «Quella passata è stata esaltante - ha detto Abodi, intervistato da serieBnews. com - Mi auguravo che tutti, indistintamente, avessimo capito il senso delle regole, del rispetto e la necessità di lavorare per dare credibilità a questo sistema. Finché si è giocato, tranne qualche rumore, sembrava che tutto andasse per il verso giusto, poi è arrivato il caso Catania che mi ha turbato parecchio». Ora bisogna fare tesoro di quello che è successo «perché non è importante solo come si affronta un problema, ma anche come se ne esce». Il rischio zero non esiste, dunque, «però possiamo limitarlo e contrastarlo, altrimenti rischiamo di perdere la credibilità. Il calcio, come tutti gli sport ha bisogno di lealtà e trasparenza».

Abodi, a Coverciano per la tradizionale cerimonia inaugurale di pre-campionato, ha aggiunto: «Ora che le decisioni sono ufficiali sento il dovere di accettarle e rispettarle comunque siano state valutate da questo primo grado. Ci saranno gli appelli In ogni caso, ora abbiamo solo voglia di voltare pagina e ricominciare a testa alta, con la schiena dritta».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa