WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo accogliela Nazionale azzurraIl Ct Conte: “Servesolo la vittoria”

Palermo accoglie la Nazionale azzurra Il Ct Conte: “Serve solo la vittoria”

In campo stasera contro la Bulgaria. Venduti quasi 20 mila tagliandi / VIDEO / BUFFON FA 150

Palermo accoglie la Nazionale azzurra Il Ct Conte: “Serve solo la vittoria”

PALERMO. Per scacciare ombre, dubbi e perplessità, l’ItalConte punta sull’entusiasmo e il calore di una Palermo stretta nella morsa dello scirocco, dopo l’opaco successo sui maltesi. Si ha sensazione, respirando l’aria rovente dello stadio Renzo Barbera – dove gli azzurri hanno perso una sola volta, per mano della Croazia, in una tiepida sera d’autunno del 1994 – che l’atmosfera sia diversa rispetto a Firenze. In tutti i sensi. Umori della piazza a parte, ci vorrà un’Italia tecnicamente convincente contro la Bulgaria, per scacciare i fantasmi e colorare d’azzurro il cielo siciliano, apparso subito meno ostile alla Nazionale, al cui aereo è stato impedito di partire dal capoluogo toscano, per via di una forte perturbazione.

VIDEO CONTE: "SERVE SOLO LA VITTORIA

GIGI BUFFON 150 VOLTE AZZURRO

Decollo spostato a Pisa, con relativo ritardo di sgambatura e conferenza stampa pre–partita. Il “colpo di mano” di Pellè giovedì, sommato al pari croato, hanno regalato agli azzurri il primato nella classifica del girone europeo di qualificazione, ma non basta. Ci vuole altro, nella marcia di avvicinamento a Francia 2016: orgoglio, determinazione e, soprattutto, gioco, da tempo più che mai un elemento sconosciuto. ”Il processo di crescita di una squadra – ha detto il ct Antonio Conte, in conferenza stampa – passa attraverso una serie di fasi: vincere è comunque importante per una squadra. E domani, contro la Bulgaria, chiedo un solo risultato”.

 

Sulle critiche piovute addosso sulla squadra nel dopo–Malta, Conte risponde senza scomporsi. “Non sono dispiaciuto, perché fanno parte del gioco: la Nazionale, essendo figlia di nessuno, è soggetta a critiche. Dobbiamo stare zitti e lavorare per vincere”. Conte è pronto a dare una bella rinfrescata all’undici titolare, puntando su elementi di sicura affidabilità, come Daniele De Rossi, cui darà la chiavi del centrocampo. Il centromediano metodista della Roma, con quello che passa il convento, è l’attuale sostituto di Pirlo, più appannato e meno intraprendente del solito contro Malta. Al suo fianco, in un presumibile 4–3–3 votato all’offensiva, Conte dovrebbe schierare Florenzi da una parte e Soriano dall’altra, alle spalle del trio Candreva–Pellè–Zaza. ”Zaza – spiega Conte – può giocare con Pellè, così come al fianco di Immobile: possono giocare assieme, come da soli”. Resta il fatto che lo juventino non ha alcun minuto nelle gambe e il suo impiego suonerebbe come un controsenso dopo le parole dello stesso ct, che dice di voler puntare su gente il cui impiego è garantito nelle squadre di appartenenza.

 

Resta il problema del gioco, che spesso è anche sinonimo di buoni risultati, soprattutto quando il livello qualitativo cresce. ”Noi cerchiamo sempre di fare del nostro meglio – assicura Conte –. Mi accontenterei di più se, su oltre 20 tiri, centrassimo di più la porta”. La formazione è ancora da fare, forse lo stesso ct al momento non ce l’ha in mente. O forse si. “Non posso prevedere come giocherà la Bulgaria, pensiamo a noi e cerchiamo di vincere la partita. La formazione? Alle 20,45, vedrete se gioca o meno Pirlo”, le parole di un Conte sempre più ermetico, pronto più che mai a fare ‘catenacciò. Qualche indizio traspare. Poca roba, però. E di prospettiva. “Florenzi può essere utilizzato con le squadre che si chiudono, ma anche avversari con un atteggiamento difensivo diverso. A centrocampo ho diverse soluzioni: Marchisio ha delle caratteristiche, Montolivo altre, Valdifiori altre ancora. Quel che conta è come un giocatore riesce a inserirsi negli schemi di una squadra. Per il resto, non c’è alcun problema”.

 

Intanto è positivo il dato sulla prevendita in vista di Italia-Bulgaria, in programma domani sera nello stadio Barbera, a Palermo. Sono oltre 18 mila i tagliandi staccati nei giorni che hanno preceduto l'euro-sfida, la terza in due anni programmata sul terreno dello stadio palermitano, sempre più 'fortino azzurrò. Il dato fa prevedere spalti gremiti in uno stadio che può contenere fino a 33 mila spettatori e dove l'Italia ha perso una sola volta, ai tempi della gestione Sacchi. Oggi gli azzurri sono stati accolti da alcune decine di tifosi e curiosi, dopo che si era sparsa la voce di un possibile allenamento aperto al pubblico. Una notizia assolutamente infondata, che si è diffusa nonostante le indicazioni diverse apparse sul sito online della Federcalcio. Il ritardo nel viaggio della Nazionale da Coverciano verso Palermo ha ulteriormente ridotto la sgambatura di Buffon e compagni.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa