WHATSAPP: 349 88 18 870

LegaPro, buon pari del Catania a Lecce

LegaPro, buon pari del Catania a Lecce La classifica resta corta, la scalata continua

Pancaro ha provato nel finale Plasmati, un palo dei salentini

LegaPro, buon pari del Catania a Lecce La classifica resta corta, la scalata continua

Dopo tre vittorie consecutive, il Catania pareggia a reti bianche sul terreno del Lecce. Un buon zero a zero che permettono al Catania di lasciare quota zero in classifica dopo avere già rimontato la penalizzazione di nove punti. L’ultima volta che Lecce e Catania si erano incrociati in campo era il campionato di aerie A (e vinsero 1 a 0 i rossazzurri).

 

Nel primo tempo i rossazzurri non soffrono granché la pressione dei salentini che però hanno avuto qualche buona occasione, la migliore delle quali arrivata con un palo colpito da Doumbia che però forse voleva crossare. Nel finale di tempo anche una girata di Diop e un’uscita a vuoto del portiere del Lecce Perrucchini che però Di Grazia non sfrutta a dovere. Alla fine il pareggio è giusto in virtù del fatto che le difese hanno senz’altro avuto la meglio sugli attaccanti (che non hanno brillato).

 

Per il Catania unica conclusione degna di nota è quella di Castiglia nel finale. Il Catania ha giocato con Liverani in porta, Parisi e Nunzella esterni bassi, Bergamelli e Pelagatti centrali di difesa, a centrocampo i tre erano Di Grazia, Castiglia e Musacci, mentre il trio d’attacco schierato da Pancaro è stato composto da Scarsella, Calil e Calderini. Il tecnico rossazzurro ha provato a dieci minuti dalla fine a mettere in campio anche Plasmati, ma l’attaccante non è risultato particolarmente pericoloso. Subentrati anche Agazzi per Musacci e Facone per Di Grazia intorno al quarto d’ora della ripresa. Ammoniti Parisi, Musacci e Scarsella e Agazzi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa