home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Sequestro motopesca "Anna Madre", imminente il rientro

Il comandante e il direttore di macchina dell'imbarcazione ferma a Sfax potrebbero tornare a Mazara del Vallo tra qualche giorno. L'ammenda è stata intanto dimezzata

Sequestro motopesca "Anna Madre", imminente il  rientro

MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) - Potrebbero rientrare già domani a Mazara del Vallo Giacomo Giacalone e Salvatore Calia, rispettivamente comandante e direttore di macchina del peschereccio mazarese Anna Madre con il quale si trovano a Sfax dopo il sequestro del natante, avvenuto nella notte tra il 15 e il 16 settembre scorsi, in acque internazionali, da parte di militari tunisini.


La società armatrice Pesca giovane srl, da indiscrezioni, già questo pomeriggio starebbe provvedendo a versare in banca 34.500 euro per il rilascio del natante e, conseguentemente, dei due marittimi. Questi ultimi, infatti, sono gli unici a non potere lasciare il peschereccio e a potere rientrare in Italia se prima gli armatori, che sulla vicenda un paio di giorni fa si sono imposti il silenzio stampa, non pagheranno l'ammenda inflitta loro dalla Commissione interministeriale tunisina che proprio nelle ultime ore ha dimezzato la somma in un primo momento fissata a 69 mila euro. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO