home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Mafia, Matteo Messina Denaro sta perdendo la sua leadership

La relazione della Dia trasmessa alla Camera. Non ci sarà una guerra di successione a Riina e addio alle azioni violente: i boss preferiscono occuparsi degli affari attraverso la corruzione

Mafia, Matteo Messina Denaro sta perdendo la sua leadership

Matteo Messina Denaro come era e come potrebbe essere ora

Dopo la morte di Salvatore Riina non pare ancora attribuibile ad alcuno la guida di Cosa Nostra. E' ancora imprescindibile il ruolo di Matteo Messina Denaro, «per quanto si colgano segnali interessanti rispetto ad una lenta ma progressiva minore pervasività operativa della sua leadership». Lo segnala la relazione semestrale della Direzione nazionale antimafia (prima metà del 2017), trasmessa alla Camera.

«Si prospetta - rileva la Dia - la formale apertura di una nuova epoca - quella della mafia 2.0. - sempre più al passo con i tempi, che confermerà definitivamente la strategia della sommersione. Conseguentemente non dovrebbero profilarsi guerre di mafia per sancire la successione di Riina».

LEGGI QUI LA RELAZIONE

Appare, infatti, superata per sempre, aggiunge, «l'epoca della mafia violenta, che ha ceduto il passo a metodologie volte a prediligere le azioni sottotraccia e gli affari, sovente realizzati attraverso sofisticati meccanismi collusivi e corruttivi».

La relazione ipotizza la possibilità di un accordo tra i capi più influenti per ricostituire una sorta di «cabina di regia», simile ma diversa dalla Commissione provinciale (che non risulta essersi più riunita dopo l’arresto dei capi storici), intesa quale organismo unitario di vertice, con un prevedibile ritorno in scena dei «palermitani».

Le indagini evidenziano che la «nuova mafia» è sempre più «silente e mercatistica», privilegiando un modus operandi «collusivo-corruttivo: gli accordi affaristici non sono stipulati per effetto di minacce o intimidazioni, ma sono il frutto di patti basati sulla reciproca convenienza». Tra i settori ad alto rischio di corruzione c'è quello dei trasporti marittimi, destinatario di ingenti finanziamenti pubblici, anche comunitari. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • mercatore

    06 Febbraio 2018 - 18:06

    Pare un cretino nella foto.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO