home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Sbarco Trapani, migranti raccontano: «Trafficanti hanno tagliato dito a un bimbo»

Lo avrebbero fatto per avere più soldi dai genitori ai quali sarebbe poi stato mostrato il "trofeo" per testimoniare di quali atrocità sono capaci. Racconti di "ordinaria atrocità"

Sbarco Trapani, migranti raccontano: «Trafficanti hanno tagliato dito a un bimbo»

TRAPANI - Per convincere i genitori a dare altro denaro per il viaggio in Italia i trafficanti di uomini in Libia hanno rapito il figlio e gli hanno tagliato un dito. Col "trofeo" esibito per dimostrare di quali atrocità erano capaci sono andati dalla coppia che ha dato loro i soldi. E’ una delle "ordinarie" storie di violenza raccontate dai profughi arrivati ieri a Trapani a bordo della nave della Guardia Costiera Diciotti.


I mediatori culturali e gli investigatori, con l’ausilio degli interpreti, stanno raccogliendo le testimonianze dolorose dei 67 migranti partiti dalla Libia, soccorsi in mare dal rimorchiatore Vos Thalassa e poi trasferiti sulla Diciotti. Una donna cinquantenne ha invece riferito di essere stata violentata più volte prima della partenza. La sua storia è stata confermata dai medici della Cisom di Malta e poi dai sanitari trapanesi che l’hanno visitata. Drammatiche le parole di un giovane che ha raccontato di aver visto morire la moglie: sarebbe stata assassinata a colpi di pistola nel campo profughi dai trafficanti. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO