home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Giovane siciliano morto in Siria: "convertito" alla jihad dalla moglie foreign fighter

Lara Bombonati, lombarda, è stata arrestata con l’accusa di terrorismo internazionale. Il marito, originario di Erice, che avrebbe ambito a diventare martire, sarebbe stato ucciso nel corso di una irruzione armata

Giovane siciliano morto in Siria: "convertito" alla jihad dalla moglie foreign fighter

TORINO - Voleva diventare martire ed era impegnato nella spasmodica ricerca del jihad. Francesco Cascio, marito della 26enne Lara Bombonati, è morto lo scorso 26 dicembre durante una non meglio precisata «irruzione armata» in un campo di addestramento in Siria. E’ quanto si apprende nell’ambito delle indagini che nelle scorse ore hanno portato all’arresto della vedova con l’accusa di terrorismo internazionale.


Secondo quanto emerge dalle indagini, sembra che a spingere l'uomo ad imbracciare il fucile sia stata proprio la donna, che al rifiuto del marito di andare a sparare gli avrebbe intimato di «fare il proprio dovere».

Francesco Cascio era nato a Erice, in provincia di Trapani e aveva vissuto per circa vent'anni a Castellammare del Golfo (Tp). Di lui però, nella cittadina siciliana, non hanno notizie da un anno.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa