home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Pescherecci di Mazara del Vallo assaltati tra Libia e Tunisia

Contro le imbarcazioni «Aliseo» e «Anna Madre» sono stati sparati alcuni colpi da un mezzo delle autorità doganali tunisine. L'episodio sarebbe legato alla "guerra del pesce"

Pescherecci di Mazara del Vallo assaltati tra Libia e Tunisia

MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) - Due pescherecci di Mazara del Vallo, «Aliseo» e «Anna Madre», sarebbero stati assaltati da un’imbarcazione al largo di Zarsis, al confine tra la Libia e la Tunisia, in acque internazionali. Solo il contemporaneo intervento di un elicottero militare italiano e di un’unità navale della Marina tunisina ha permesso di evitare il peggio facendo allontanare l’imbarcazione a quanto pare appartenente alle autorità doganali tunisine. Lo ha reso noto il presidente del Distretto della Pesca Giovanni Tumbiolo. 


L’episodio, avvenuto ieri sera all’imbrunire, sarebbe legato alla cosiddetta "guerra del pesce", anche se si inserisce nel clima di tensione che accompagna la missione italiana in Libia per fronteggiare l'emergenza immigrazione. Dall’imbarcazione sono partiti alcuni colpi d’arma da fuoco all’indirizzo dei due pescherecci che hanno subito dato l’allarme via radio.

L’intervento contemporaneo dell’elicottero italiano e dell’unità militare tunisina ha costretto gli aggressori a desistere dall’assalto. «Esprimo grande apprezzamento - ha dichiarato il presidente del Distretto della Pesca Giovanni Tumbiolo - per l’azione sinergica ed operativa del ministero degli Affari esteri italiano e dell’Ambasciata italiana a Tunisi, della Marina militare italiana e della Marina militare tunisina. Tuttavia - ha aggiunto - registriamo indignazione e sgomento per quanto accaduto, un ulteriore episodio di una guerra del pesce che dura da oltre 50 anni e mette a repentaglio l’incolumità dei nostri pescatori».

I due pescherecci hanno comunque ripreso stamane la loro battuta di pesca spostandosi nella zona di mare a Sud di Lampedusa. Lo ha confermato la Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo che è in costante contatto con l’"Aliseo» e l’"Anna madre» e ne sta monitorando la navigazione attraverso il blue box. Anche il presidente del Distretto della Pesca Giovanni Tumbiolo ha confermato che i due motopesca hanno ripreso regolarmente la loro attività. 

«Esprimo seria preoccupazione per questo tentativo di aggressione che viene effettuato nel Canale di Sicilia a danno di pescatori siciliani e mazaresi in particolare. Non sono ancora chiare le dinamiche di quanto accaduto, ma è evidente la gravità di quanto successo». Lo afferma il sindaco di Mazara del Vallo Nicola Cristaldi dopo avere appreso dell’assalto di ieri sera nei confronti di marittimi mazaresi. «Grazie al tempestivo intervento di un’unita aerea italiana - aggiunge Cristaldi - si è evitato potesse accadere qualcosa di grave. Non è più concepibile, oggi più che mai, che i nostri pescatori, che costantemente danno la loro fattiva collaborazione per il salvataggio di naufraghi, siano oggetto di tentativi di aggressione e addirittura, da quanto si apprende, gli si spari addosso». «E' necessario che il Governo nazionale e l’Europa - conclude il sindaco di Mazara - prendano una posizione chiara sull'intera vicenda per garantire l’incolumità di chi, con enormi sacrifici, va per mare per sostenere la propria famiglia».

«Ancora una volta vediamo restringere le nostre aree di pesca. L’estensione unilaterale dei confini da parte di alcuni Paesi nordafricani e i continui gli atti di pirateria ci inducono a desistere. Noi ci dobbiamo adeguare a tutte le restrittive norme emanate dall’Ue mentre tunisini ed egiziani, che pescano nelle nostre stesse aree di mare internazionali, lo fanno liberamente».  Lo dice Giampiero Giacalone, uno degli armatori dell’"Anna Madre", il peschereccio assaltato dalla motovedetta militare tunisina. «Ribadisco che quanto accaduto ieri pomeriggio - aggiunge - è un incidente diplomatico tra Stati e quello tunisino dovrebbe chiedere scusa a quello italiano perché il nostro natante era in acque internazionali. Sto valutando di scrivere al ministro dell’Interno Marco Minniti, per rappresentargli le problematiche e le ragioni della nostra marineria». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa