WHATSAPP: 349 88 18 870

San Cono, botte agli egiziani, i tre ragazzi ai domiciliari con il braccialetto elettronico

Gip contesta aggravanti futili motivi e discriminazione etnica

San Cono, botte agli egiziani, i tre ragazzi ai domiciliari con il braccialetto elettronico

Un momento dell'aggressione filmato da una delle vittime

Vanno agli arresti domiciliari, con l'obbligo dell’uso del braccialetto elettronico, i tre italiani accusati di avere pestato con colpi di mazze da baseball quattro minorenni egiziani, due sedicenni e due diciassettenni, il 20 agosto scorso, a San Cono, nel Catanese.

GUARDA IL VIDEO SHOCK DELL'AGGRESSIONE

Lo ha deciso il Gip di Caltagirone, Ettore Cavallaro, che non ha convalidato il fermo eseguito dei carabinieri, non ritenendo sussistenze il pericolo di fuga, ma ha emesso un’ordinanza restrittiva nei confronti di Antonino Spitale, di 18 anni, e i fratelli Giacomo e Davide Severo, di 32 e 23 anni.

I reati contestati sono tentativo di omicidio e lesioni aggravati dai futili motivi e dalla discriminazione etnica o razziale nei confronti di «non appartenenti al paese» di San Cono.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP