WHATSAPP: 349 88 18 870

Pietro Grasso alla Festa dell'Unità: "La vignetta di Charlie Hebdo? Rispetto la libertà di satira ma sono libero di dire che fa schifo"

Pietro Grasso alla Festa dell'Unità: "La vignetta di Charlie Hebdo? Rispetto la libertà di satira ma sono libero di dire che fa schifo"

Pietro Grasso, presidente del Senato

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, insieme al sottosegretario Minniti, ha partecipato alla Festa dell’Unità ed ha affrontato i temi più scottanti dell’attualità politica.

Sul rischio-terrorismo, dunque, il presidente del Senato è chiaro: «L'Italia e Roma sono tra gli obiettivi del terrorismo, ma non dobbiamo avere paura perché sappiamo che c'è chi lavora bene per noi e non dobbiamo lasciarci sopraffare dalla paura, ma vivere la nostra vita come sempre. E non bisogna avere paura - ha aggiunto - non soltanto del terrorismo, ma anche del terremoto e dei migranti o del dopo referendum».

La seconda carica dello Stato ha anche parlato della discussa vignetta dii Charlie Hebdo: «Rispetto la libertà di satira e di ironia, però posso anche dire che ho la libertà di dire che fa schifo». Ma sul terremoto Grasso spiega: «Una volta asciugate le lacrime, non bisogna spegnere i riflettori sul sisma nel Centro dell’Italia. E per prima cosa bisogna accertare se ci sono responsabilità perché, come è stato già detto, l’opera dell’uomo crea il discrimine tra al vita e la morte. Allora bisogna che coloro che hanno delle responsabilità sappiano che non ci sarà alcun perdono sociale, né perdono giudiziario. Devono sapere che devono pagare per gli errori e le omissioni che hanno fatto. E' la magistratura che sta operando proprio su questo, dopodiché bisogna avere le risorse e ricostruire. Naturalmente c'è bisogno anche di tempi e bisogna comprendere che è sbagliato deludere sui tempi. Quando ero procuratore nazionale antimafia ho fatto un pool di magistrati per L’Aquila nel 2009 che controllava tutte le società che partecipavano agli appalti e penso che è una cosa che si possa ripetere. Un conto è il controllo amministrativo, un conto è quello investigativo per fare emergere cose che magari dalle carte non si vede».

Il presidente del Senato Pietro Grasso ha successivamente incontrato il presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, vittima di un agguato al quale è riuscito a sfuggire nel Messinese. Grasso ha salutato Antoci con un abbraccio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP