WHATSAPP: 349 88 18 870

Aeroporto Catania, per la nomina di Torrisi tutto rinviato

L’assemblea dei soci avrebbe dovuto nominarlo amministratore delegato della Sac: un'altra settimana sulla graticola per il presidente regionale di Federalberghi

Aeroporto Fontanarossa, per la Sac in corsa resta solo Nico Torrisi

Nico Torrisi

Catania - Alla fine è successo per davvero: l’assemblea dei soci che avrebbe dovuto incoronare Nico Torrisi quale amministratore delegato della Sac, la società che gestisce l’aeroporto Fontanarossa di Catania, è stata rinviata a venerdì 7 ottobre.

La seduta sarà in prosecuzione rispetto a quella di oggi per permettere in questi giorni – come richiesto dal commissario della Camera di Commercio di Catania – la verifica dei requisiti di Torrisi. Una procedura piuttosto anomala, visto che da statuto l'organo preposto è il Collegio dei sindaci. Un'altra settimana sulla graticola per il presidente di Federalberghi Sicilia. All'ordine del giorno dell’assemblea di oggi, chiusa con un nulla di fatto, c’era proprio la nomina del nuovo ad dopo la decadenza di Ornella Laneri. Torrisi era stato indicato da Camera di Commercio di Ragusa e Città metropolitana di Catania. I commissari della Regione che attraverso gli altri enti soci, che controlla il 75% delle quote non hanno presentato altri nomi con Rosario Crocetta che aveva annunciato come questa volta . «farò l'arbitro». Ma proprio quando sembrava tutto già deciso c’è stata la fumata nera con la richiesta, da parte dei commissari crocettiani, di rinvio di una settimana dell'assemblea. Ufficialmente per una verifica dei requisiti di Nico Torrisi (che potrebbe essere incompatibile perché ha ricoperto l'incarico di assessore regionale meno di 24 mesi fa). 

Ma l'ammuina sul curriculum di Torrisi nasconderebbe un altro scenario. Prendere tempo. Per ripresentarsi in assemblea con un altro nome. Quello che circola con insistenza è quello di Gaetano Mancini, ad prima di Laneri. Un manager che ha lasciato un bel ricordo in Sac, da sempre in ottimi rapporti con l'ex vicepresidente nazionale di Confindustria, Ivan Lo Bello, che però continua a dirsi estraneo alla contesa Sac. Mancini, dicono a Palermo, non sarebbe sgradito nemmeno al senatore Beppe Lumia. Il diretto interessato, però, si tira fuori: «Per me è un'esperienza chiusa. Sono già impegnato, e con molto entusiasmo, su altri progetti», scandisce Mancini. Aggiungendo: «Il nome in campo ha tutte le capacità per fare bene».

Non è detto però che non spuntino altri pronti a cimentarsi. Nonostante lo spettro delle indagini dei pm sulle ultime nomine Sac. Magari dopo il rinvio "strategico" di oggi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • falco2

    30 Settembre 2016 - 10:10

    lo sanno tutti che l'aeroporto di catania e in mano della mafia politica, non per nulla una buona percentuale di azioni e di propieta' della camera di commercio di catania la piu' ladra e costosa di tutto il territorio Italiano, basti pensare che un'iscrizione alla c. di comm. milanese costa molto meno di quella di catania,quindi abbiamo detto tutto, chi vuol capire capisca.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa