home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, "La straniera" apre la stagione al Bellini tra defezioni e scene incomplete

La bronchite ha bloccato la primadonna Daniela Schillaci. Nel ruolo di Alaide è così andata in scena Francesca Tiburzi

Catania - È la Catania per bene ad avere lanciato un segnale di rinascita culturale, con il Bellini che si è proposto di coinvolgere tutta la città. Riuscendoci. La Straniera, infatti, ha registrato il tutto esaurito impegnando i milleduecento posti del centro di rappresentanza dell’opera catanese, il Teatro Bellini. Non sono mancati, però, i fuori scena: Daniela Schillaci che è stata sostituita da Francesca Tiburzi nel ruolo di Alaide, e Isoletta, interpretata in buca dal mezzosoprano Sonia Fortunato - in sostituzione di Patrizia Patelmo e Gabriella Colecchia - mentre in scena va un mimo. Ma the show must go on, lo spettacolo deve continuare.
Insomma, è andata. La “prima” del Bellini è già storia e, in occasione dell’apertura della stagione lirica, il Teatro ha ritrovato tutto il suo splendore: il gotha catanese ha reso onore all’evento confondendosi con il lusso e l’eleganza di un ambiente che riflette un mondo sospeso in una realtà parallela variopinta e lusinghiera, mentre la nota più vivace, invece, è stata offerta dai giovani che sono tornati a riempire la sala belliniana con la sobrietà della loro età, sfoggiando cappotti e piumini poco impegnativi. Sono state le generazioni a confronto che hanno rappresentato la rinascita del Teatro dopo un periodo travagliato e pieno di note dolenti, e che ha lasciato tutti con il fiato sospeso.


«La sorte del “Vincenzo Bellini” era preoccupante - dice il sindaco di Catania, Enzo Bianco - ma pian piano sta riconquistando ogni giorno credibilità. La stagione di quest’anno è particolarmente bella e aprire con La Straniera è una grande soddisfazione perché testimonia come la lirica sia stata in grado di riconquistare la fiducia dei catanesi, l’apprezzamento degli italiani ed anche una buona reputazione a livello nazionale e internazionale. Vogliamo che il teatro non sia solo appannaggio della tradizione della città, e per questo ci stiamo aprendo ai giovani siciliani, coltivandoli». I ragazzi dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, infatti, hanno lavorato alla creazione dell’identità visiva della stagione teatrale «ed anche alla grafica del libretto dell’Opera di questa prima rappresentazione - sottolinea lo studente Mauro Privitera - Non potevo mancare alla “prima”: è una soddisfazione che mi avvicinerà al Teatro. Sono convinto che abbia bisogno della nostra presenza per rinnovarsi ancora di più, così da adeguarsi ai tempi». La sua collega Giulia Quattrone non è nuova all’Opera: «Quando ero piccola - ricorda - accompagnavo sempre mamma. Sono passati, però, diciotto anni dall’ultima volta che ho assistito a un’opera e sono felice di trovare un Teatro rinnovato nello spirito e ampio nell’offerta».


La Straniera ha aperto il Teatro Bellini Festival 2017 con il quale l’Ente ha puntato sul “brand” internazionale di Vincenzo Bellini in una formula nuova, «non solo per gli addetti ai lavori e per gli amanti della lirica e della musica classica, ma aperta ai giovani e alle scuole, al grande pubblico e al turismo», come spiegato dal soprintendente Roberto Grossi e come auspicato dal direttore artistico Francesco Nicolosi che aggiunge come il teatro «sia in netta ripresa, offrendo anche elementi di innovazione come i sopratitoli in doppia lingua, italiano e inglese, e già dallo scorso anno il benvenuto viene dato in tre lingue aggiungendosi il francese a quelle già dette». Mentre lo spettacolo si appresta a cominciare, l’assessore regionale al turismo e spettacolo, Anthony Barbagallo, in una nota esprime la sua soddisfazione per la stretta sinergia che si è realizzata con il presidente del Teatro, Enzo Bianco. E dunque, le luci si spengono e l’orchestra comincia a scaldare le corde. I ritardatari accorrono alle poltrone, il sipario si alza, lo spettacolo comincia. In scena La Straniera, ma soprattutto una Catania che riparte.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa