WHATSAPP: 349 88 18 870

La videolettera di Pif a lasicilia.it
"Caro prof. Mangiameli si sbaglia"

Il regista di "In guerra per amore" scrive allo storico che aveva contestato la ricostruzione dello sbarco Alleato in Sicilia: "Incontriamoci e parliamone davanti una granita"

Il regista Pif ha affidato a lasicilia.it una video lettera al prof. Saro Mangiameli, dopo la polemica sul film “In guerra per amore”. La vicenda è relativa ad alcuni fatti storici riportati nel film che lo storico ha contestato in un articolo pubblicato su La Sicilia. Il regista in questo video risponde al professore e conclude con una riflessione: “Se non siamo d’accordo con alcune di chiarazioni fatte da me, figurarsi su fatti accaduti settanta anni fa. Che direbbe se ci incontrassimo magari prendendo insieme una granita? Io sono palermitano ma riconosco che a Catania le granite sono più buone”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 2
  • Giuseppe89

    13 Novembre 2016 - 15:03

    Tratto da: <<MELENZANOLOGIA Storia e storie di identità e di tradimenti>> di Tino Vittorio, Docente di Storia Contemporanea. Un'isola è un accidente del mare che la sorregge come la sua sub-stantia. Anche una penisola, una paene insula, una quasi isola è un quasi accidente del mare. Il mare è il ... mare di quasi tutte le loro opportunità, in pace come in guerra. E, visto che di guerra parliamo, apro con le considerazioni di un grande uomo di mare che al navalismo della seconda guerra mondiale dedicò molti suoi pregevoli libri. Si tratta del biscaglino di Santander, Luis de la Sierra (1920-?), che nel suo La guerra navale nell'Atlantico. 1939-1945 (Mursia 1982), dopo avere criticato, come causa primaria della sconfitta dell'Asse il continentalismo di Hitler, parzialmente nascosto dall'attività corsara delle sue corazzate "tascabili" ( famigeratissima fu la Graf Spee comandata dal capitano di vascello, Hans Langsdorff, di breve vita ma abbondantemente letale) e dei suoi battelli sottoma

    Rispondi

  • Giuseppe89

    13 Novembre 2016 - 15:03

    Tratto da: <<MELENZANOLOGIA Storia e storie di identità e di tradimenti>> di Tino Vittorio, Docente di Storia Contemporanea. Un'isola è un accidente del mare che la sorregge come la sua sub-stantia. Anche una penisola, una paene insula, una quasi isola è un quasi accidente del mare. Il mare è il ... mare di quasi tutte le loro opportunità, in pace come in guerra. E, visto che di guerra parliamo, apro con le considerazioni di un grande uomo di mare che al navalismo della seconda guerra mondiale dedicò molti suoi pregevoli libri. Si tratta del biscaglino di Santander, Luis de la Sierra (1920-?), che nel suo La guerra navale nell'Atlantico. 1939-1945 (Mursia 1982), dopo avere criticato, come causa primaria della sconfitta dell'Asse il continentalismo di Hitler, parzialmente nascosto dall'attività corsara delle sue corazzate "tascabili" ( famigeratissima fu la Graf Spee comandata dal capitano di vascello, Hans Langsdorff, di breve vita ma abbondantemente letale) e dei suoi battelli sottoma

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa