Notizie Locali


SEZIONI
Catania 34°

Adnkronos

Il sociologo Morace: “Patto e equità sociale sono temi da affrontare con decisione”

Milano, 13 giu. (Adnkronos/Labitalia) – “Il patto e l’equità sociale sono i temi che l’Italia deve in qualche modo affrontare con molta più decisione, perché la situazione non è grave ma è seria, come qualcuno disse molti anni fa. E’ seria perché la maternità e la paternità, non solo per problemi economici ma per progetti […]

Di Redazione |

Milano, 13 giu. (Adnkronos/Labitalia) – “Il patto e l’equità sociale sono i temi che l’Italia deve in qualche modo affrontare con molta più decisione, perché la situazione non è grave ma è seria, come qualcuno disse molti anni fa. E’ seria perché la maternità e la paternità, non solo per problemi economici ma per progetti di vita, si sono in qualche modo molto indeboliti; perché oggi comunque i ragazzi oltre ad uscire molto più tardi da casa oltre che avere i problemi che sappiamo nell’acquisire uno status professionale hanno anche un progetto di vita che è diverso che non necessariamente è legato al matrimonio. Sappiamo che quel dato è crollato così come sono aumentati enormemente invece i divorzi e le separazioni e non sono elementi su cui si può intervenire direttamente perché sono dinamiche che bisogna conoscere e comprenderne le cause”. A dirlo Francesco Morace, sociologo e saggista, fondatore di Future Concept Lab, intervenendo alla tavola rotonda ‘Il futuro che vogliamo-ripartiamo da crescita sostenibile e territori, lavoro e welfare’ organizzata da Manageritalia in occasione del VI Congresso della Federazione dei manager del terziario. “L’investimenti nei giovani e l’impiego del lavoro femminile – afferma – sono parti del nostro paese che vanno in qualche modo rafforzate, consolidate e amplificate perché sono utili in una visione di medio e lungo termine. Sono preoccupato non dall’intelligenza artificiale ma dalla stupidità umana che non comprende che dobbiamo in qualche modo attrezzarci. Inoltre fino a quando il tema dell’equità sociale non riuscirà ad allinearsi al tema della sostenibilità continueremo ad avere lo scontro epocale tra chi è preoccupato della fine del mondo e chi è preoccupato della fine del mese. I costi della transizione vanno ridistribuiti in modo diverso e ancora una volta c’è l’equità sociale quindi è il patto sociale che alla fine sarà la base un po’ di tutte le altre trasformazioni”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: