Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

**Covid: i 'danneggiati dal vaccino' sfilano di fronte a Speranza, 'abbandonati dallo Stato'**

Di Redazione

Roma, 6 dic. "Reazioni avverse da vaccino: lo Stato dov'è? Vogliamo garanzie per chi ha subito danni". Recita così uno dei tanti striscioni di quelli che si definiscono 'danneggiati dal vaccino', che oggi alle 12, coordinati dall'avvocato Erich Grimaldi, presidente del Comitato per le Cure Domiciliari Precoci Covid-19, hanno sfilato davanti alla sede del ministro Speranza sul Lungotevere Ripa di Roma nel tentativo di far sentire la loro voce. Un gruppo folto ed eterogeneo: decine di donne, uomini, giovani e giovanissimi, senza un 'profilo' abbastanza preciso da poterne stilare un identikit, riunitisi non casualmente nel giorno in cui parte il 'Super Green Pass' in tutta Italia per la "necessità di avere risposte concrete".

Pubblicità

"Abbiamo creduto nel vaccino, abbiamo creduto nello Stato, ed ora ci ritroviamo danneggiati da quello stesso vaccino e senza nessuno che ci ascolti. Siamo totalmente abbandonati", dice all'Adnkronos una signora che regge l'immagine di un uomo recante la data della morte, il 12 maggio 2021. La donna racconta di essere lì "per un amico morto dopo la prima somministrazione di Pfizer, aveva 62 anni. Aveva avuto dei problemi cardiologici, il medico glielo aveva sconsigliato ma glielo hanno fatto ugualmente, è tornato a casa, è andato a dormire e non si è più risvegliato. Nessuno ne ha parlato".

Fra i manifestanti c'è una ragazza di 27 anni, Camilla. "Sono vaccinata con due dosi, e credo nel vaccino perché altrimenti non l'avrei fatto -chiarisce- Dopo la seconda dose di Moderna, ho iniziato ad avere un forte dolore toracico e affanno. Sono andata al pronto soccorso, la prima diagnosi è stata bronchite. Poi, privatamente, il mio cardiologo mi ha diagnosticato una pericardite post vaccinale. Da allora, sette accessi al pronto soccorso, due ricoveri ospedalieri, non riuscivo neanche a stare in piedi. Sono ancora in terapia, oggi è il centesimo giorno. E' un calvario". La lamentela principale sembra essere, per tutti, l'assenza di sostegno da parte dello Stato dopo l'evento avverso.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: