Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

**Mattarella: combattere pulsioni ottocentesche, multilateralismo unica risposta a problemi pianeta**

Di Redazione

Roma, 26 dic. “Si avvertono incrinature dell'ordine internazionale”, che “ha, periodicamente, -come è ovvio- bisogno vitale di essere aggiornato, adeguato, migliorato ma destrutturarlo, vanificandone i principi di convivenza fra Stati liberi e uguali, provocherebbe incertezza e instabilità”. Perciò, di fronte all'emergere di “concezioni e pulsioni proprie dell'Ottocento e della prima parte del Novecento, seduzioni che sembrano rimuovere le lezioni della storia, il multilateralismo e la cooperazione rappresentano le sole risposte concrete ed efficaci alle difficoltà e alle tensioni che attraversano il pianeta”. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, lo ha costantemente affermato durante il settennato, in maniera sempre più crescente man mano che la “terribile esperienza della pandemia e dei suoi effetti ha reso evidente la profonda interdipendenza dei destini dei nostri popoli: soltanto efficaci forme di coordinamento si sono dimostrate utili per contrastarla e sconfiggerla”, a dimostrazione che “nessuno –a prescindere dalle dimensioni della sua economia– è in grado di affrontare, da solo, problemi che riguardano la condizione generale dell'umanità”.

Pubblicità

“Dalla prova che stiamo dolorosamente vivendo -evidenzia il Capo dello Stato- scaturisce, con forza ancora più intensa, l'esigenza di una collaborazione internazionale senza riserve, conseguenza diretta di un mondo sempre più interconnesso. Sfide globali devono essere fronteggiate da una governance effettivamente ed efficacemente globale”.

“Non si può –spiega il Capo dello Stato- affrontare il cambiamento climatico, osteggiare l'inquinamento, o governare il fenomeno migratorio da soli. Non si può efficacemente combattere la subdola pervasività del crimine transnazionale o del terrorismo senza una fitta rete di contrasto che veda uniti i Paesi di tutti i Continenti. Non si può garantire sicurezza alle popolazioni se non se ne rispettano i diritti umani: per essere più sicuro il mondo ha bisogno di equità e di libertà”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: