Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

**Sport: Vezzali al lavoro su deroga atleti internazionali non vaccinati e ragazzi over 12**

Di Redazione

Roma, 28 gen. La sottosegretaria Valentina Vezzali, nonostante la positività al covid, è al lavoro, a quanto apprende l'Adnkronos, su alcune tematiche urgenti da portare all'attenzione del prossimo Consiglio dei Ministri, che riguardano sia l'alto livello che i giovanissimi atleti.

Pubblicità

Per quanto riguarda l'alto livello, per scongiurare il rischio che alcune partite di organizzazioni internazionali debbano giocarsi in campo neutro, si sta lavorando per ottenere una deroga per fare in modo che gli atleti stranieri di diversi sport, che non possano giocare in Italia se non vaccinati, lo possano fare, e risiedere in hotel e andare al ristorante, dopo l'esito negativo di un tampone oltre che con il vaccino o dopo la guarigione da covid. Una deroga che dovrebbe valere anche per coloro che hanno effettuato il vaccino, tipo Sputnik, che non è riconosciuto dall'Ema. Dal 10 gennaio, infatti, gli atleti di "sport di squadra all'aperto" potranno scendere in campo solo se provvisti di super green pass.

La Vezzali sta inoltre affrontando anche la questione relativa al vaccino obbligatorio per la pratica sportiva per i ragazzi dai 12 anni ai 18 anni. Per risolvere i diversi problemi lamentati e che coinvolgono molti ragazzi, si intende chiedere innanzitutto una corsia privilegiata per questi soggetti nell'ambito della campagna vaccinale, per velocizzare il loro rientro all'attività sportiva ma anche, nel caso di prima dose la possibilità di praticare sport grazie al tampone, prima dell'arrivo del green pass per il quale è necessario attendere 14 giorni.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: