Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

**Architetti: è morto Umberto Riva, maestro della luce**

Di Redazione

Roma, 26 giu. - L'architetto e designer Umberto Riva, progettista di profonda e raffinata maestria nel design industriale (in particolare lampade e mobili), nell'arredo d'interni e nelle sistemazioni urbane, è morto a 93 anni a Palermo. L'annuncio della scomparsa è stato dato su Twitter dall'architetto Stefano Boeri, presidente della Triennale di Milano, che definisce Riva "grande e sofisticato architetto di forme precise, elegantissime, mai banali". Nel 2018 la Triennale lo insignì della Medaglia d'Oro alla Carriera.

Pubblicità

Nato il 16 giugno 1928 a Milano, Umberto Riva si laureò con Carlo Scarpa in architettura all'Università di Venezia nel 1959 ed iniziò l'attività professionale nel capoluogo lombardo (dove ha sempre vissuto) l'anno successivo, progettando per tutti gli anni '60 soprattutto case luminose. Tra le sue realizzazioni più importanti si segnalano casa Frea a Milano, considerato uno dei suoi capolavori, la sistemazione di piazza San Nazaro a Milano, il restauro dello storico Caffè Pedrocchi di Padova, il progetto per la sistemazione del viale del Ministero degli Esteri e di Piazza della Farnesina a Roma, la Biblioteca Europea di Porta Vittoria a Milano, le centrali termoelettriche di Catanzaro, Campobasso e Termoli e una lunga serie di case, da Milano alla Sardegna e alla Puglia, oltre a vari progetti di lampade e arredi per i più importanti nomi del design italiano. Tra i lavori più recenti di Riva c'è la chiesa di San Corbiniano a Roma,

Nell'ambito del design industriale Riva ha disegna lampade per Fontana Arte (sue ad esempio "Franceschina", una delle più conosciute, "Gi-Gi", "E-63", "Dilem", "Filù", "Rituale"), Francesconi, VeArt di Scorzè, Barovier & Toso e mobili per Poltronova, Fontana Arte, Bigelli Marmi, Driade.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: