Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

**Green pass: Draghi vince sfida, 'd-day' fila liscio ma scoppia grana Reddito cittadinanza**

Di Redazione

Roma, 15 ott. Fila liscio l'esordio del green pass su tutti i luoghi di lavoro, una misura voluta e difesa a spada tratta dal governo e che, solo sabato scorso, aveva scatenato l'ira dei no vax, col centro di Roma teatro di scontri fino all'inimmaginabile assalto alla sede nazionale della Cgil. Ieri l'espressione che rimbalzava ai piani alti di Palazzo Chigi era 'rischio calcolato': sul piatto della bilancia la tenuta del sistema, dalle possibili violenze ai contraccolpi sull'economia del Paese, a partire dagli scaffali dei supermercati che qualcuno temeva restassero vuoti. Mario Draghi, racconta chi gli è vicino, non ha tentennato, puntando dritto sulla tenuta del sistema.

Pubblicità

Da qui la decisione di non accelerare ma darsi il tempo necessario per mettere a punto, eventualmente, degli interventi aggiuntivi sui tamponi, calmierandone il prezzo o introducendo sgravi fiscali per le imprese che decidono di accollarsene il costo. Intanto le nuove regole sul green pass fanno il loro esordio anche a Palazzo Chigi. I ministri arrivano alla spicciolata, rinunciano al tradizionale ingresso dal cancello centrale, virano a sinistra dove ad attenderli ci sono i tornelli con gli scanner per i controlli.

Il più entusiasta è il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta, tra i più grandi sostenitori della misura e del pugno duro nella P.A.: posta su Twitter le foto che lo ritraggono mentre si sottopone al check, mostrando fiero il passaporto vaccinale nel cortile di Palazzo Chigi. Anche in sala stampa, dopo i primi intralci, tutto fila liscio. In Cdm Draghi, raccontano, non si riconosce meriti né tantomeno si lascia andare a commenti sul pericolo scampato. Si approva il dl fiscale, ma ecco che nella maggioranza scoppia un'altra grana. Perché a Palazzo Chigi, da sempre e al netto del 'colore' politico di ogni governo, ogni giorno porta la sua pena. Quella di oggi, per Draghi, prende il nome di reddito di cittadinanza.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: