Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

**Lavoro: Draghi-sindacati, si affina sblocco selettivo, in vista avviso comune con imprese**

Di Redazione

Roma, 29 giu. Più che un confronto appare come una trattativa vera e propria quella ancora in corso tra il premier Mario Draghi e i leader di Cgil, Cisl e Uil sullo sblocco selettivo dei licenziamenti. Un round che va avanti da quasi 5 ore alternato da una serie di stop and go con cui approfondire le indicazioni con cui i sindacati hanno evidenziato alcune incongruenze applicative delle norme messe a punto dalla Cabina di regia del governo, ieri, e che andranno al vaglio del Cdm di domani.

Pubblicità

L'obiettivo dei sindacati, ovviamente, è quello di allargare le maglie del provvedimento per ampliare soprattutto quel perimetro previsto per le imprese in grave crisi con tavoli aperti al Mise, Prefetture e Regioni che, esaurito ogni possibile ammortizzatore, potrebbero accedere alla cigs gratuita per ulteriori 13 settimane a fronte dell'impegno a non licenziare. Per questo Cgil, Cisl e Uil hanno sottolineato tra le incongruenze del provvedimento, non solo quelle sull'uso dei codici Ateco o la complessità di ricondurre più fattispecie sotto uno stesso contratto, ma soprattutto quelle relative alla natura, tutta da chiarire, proprio delle 13 settimane aggiuntive previste: per Cgil, Cisl e Uil, infatti, andrebbe confermato il modello 'Cassa Covid' che prevede come le aziende , per poter accedere ai licenziamenti, debbano prima averle esaurite tutte. Non solo.

Obiettivo dei sindacati anche quello di 'blindare' il comportamento delle aziende escluse dal novero delle eccezioni: un traguardo possibile solo con un accordo tra le parti, un vero e proprio Avviso comune con le associazioni datoriali, Confindustria in testa, per vincolare le aziende associate ad utilizzare, prima di licenziare, tutti gli strumenti istituzionali e contrattuali ( cig, contratti solidarietà ecc.) a disposizione. Anche su questo si starebbe lavorando al tavolo di confronto ancora in corso. Come si starebbe lavorando all'istituzione di un tavolo di monitoraggio a Palazzo Chigi per governare e seguire eventuali emergenze sociali.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: