Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

**Musica: Marilyn Manson si consegna a polizia di Los Angeles, accusato di aggressione**

Di Redazione

Roma, 26 giu. I guai legali del cantante Marilyn Manson sembrano ben lontani dall'avere fine. La rockstar shock ha infatti accettato di consegnarsi alla polizia di Los Angeles, in possesso di un mandato di arresto derivante da un episodio verificatosi nel New Hampshire nel 2019. Lo riporta il sito Deadline Hollywood. Il fatto, che sarebbe accaduto durante un concerto, vedrebbe l'artista Manson protagonista di un episodio increscioso: avrebbe sputato e sparato a una persona con una videocamera. Il mandato è stato emesso a maggio a Gilford, dopo che Manson non aveva risposto alle accuse presentate contro di lui in quella giurisdizione.

Pubblicità

Manson, vero nome Bryan Hugh Warner, deve rispondere di due capi di imputazione, e potrebbe essere chiamato in giudizio entro metà agosto. Non è previsto che la pop star debba essere presente in tribunale. L'artista 52enne si stava esibendo al Bank of New Hampshire Pavilion il 18 agosto 2019, quando è avvenuto l'incidente. La persona che aveva in mano la videocamera, che non è stata identificata, stava lavorando nella buca sotto il palco quando Manson avrebbe cominciato ad aggredirla. L'avvocato dell'artista ha sempre negato qualsiasi comportamento aggressivo durante lo spettacolo. Manson, contemporaneamente, sta affrontando anche un altro processo con accuse separate di stupro e abuso da parte di diverse donne.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: