Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Ager Oliva, la startup toscana che adotta gli ulivi, mette al sicuro l'olio di Leonardo da Vinci

Di Redazione

Pubblicità

Pistoia, 28 ottobre  2021– Adozioni di ulivo raddoppiate in meno di sei mesi e già sei ettari di terreno salvati dall'incuria e dall'abbandono. Inoltre, 1.200 litri di olio in consegna tra il 15 e il 22 novembre. Ager Oliva, la startup pistoiese procede speditamente verso il suo obiettivo: recuperare il patrimonio agricolo sempre più a rischio idrogeologico, tornare a rendere produttivo l'ulivo e aumentare la produzione di extravergine toscano. Quello stesso olio che arriverà nelle case di chi aderisce all'adozione delle piante. Ma non è finita: l'azienda guidata da Tommaso Dami, una laurea in Economia e una passione per l'agricoltura, ha appena preso in gestione un nuovo uliveto sopra la casa museo di Leonardo da Vinci. Presto quegli alberi verranno messi in salvo e torneranno a produrre olio.

Numeri e nuovi progetti

L'azienda è partita lo scorso marzo riportando in vita 600 piante in quattro mesi. Ora è arrivata a 1.200, prevedendo un ulteriore raddoppio – oltre tremila alberi – per il prossimo anno. Finora i campi sottratti al degrado sono stati sei ettari. Il futuro è più che roseo perché si prevede di recuperare almeno 15 ettari di terreni così da restituire vita al patrimonio paesaggistico toscano. Inoltre, l'istituto Diocesano di Pistoia che gestisce i terreni a Vinci, attorno alla casa museo del grande scienziato e artista toscano, ha affidato ad Ager Oliva tre ettari di terreno – che conta seicento piante - abbandonato da oltre dieci anni. Presto quel campo e quelle piante torneranno a vivere e potrà arrivare nelle case di chi adotta quegli ulivi l'olio di Leonardo: un progetto molto ambizioso e di alto valore ambientale, sociale, agricolo e culturale.

Il recupero

«Siamo molto felici di questi risultati e dell'emozione che percepiamo negli occhi e nelle parole dei nostri sostenitori italiani e stranieri, siano essi aziende o privati», dice TommasoDami. «Questi risultati ci portano sempre più vicini al nostro obiettivo: salvare quattro milioni di ulivi abbandonati. Non possiamo abbandonare le colline e gli ulivi dando un calcio alla storia, alla cultura e alla tradizione che contraddistinguono la nostra comunità come popolazione mediterranea. A oggi abbiamo oltre dieci collaboratori – prosegue Dami -, età media 35 anni: tutti affiatati e disponibili. Possiamo dire di aver creato un'onda diemozione in un settore che si sente da troppo tempo in crisi. Non vediamo l'ora di incontrare di persona tutti i sostenitori al prossimo pic-nic in campo nel 2022, magari proprio nel campo che vogliamo recuperare sopra la casa di Leonardo Da Vinci».

L'idea e il team

All'interno del team, insieme a Tommaso, c'è Ana Soto, 27 anni, laurea in Economia e Commercio Internazionale. Ora lei è a capo del marketing e del customer care. Sempre all'interno della squadra troviamo anche Cosimo Lunetti, 22 anni, che è il social media manager. Una squadra pronta alla prossima sfida.

Contatti

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: