Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Antibiotico resistenza: una pandemia continua e silenziosa

Di Redazione

(Venezia 28 giugno 2021) - Le soluzioni proposte dalla Regione Veneto per far fronte a quello che l'OMS definisce "un problema globale non più rimandabile”

Pubblicità

Venezia 28 giugno 2021 - Rispetto a Covid-19, l'antibiotico resistenza (AMR) è una pandemia continua, silente ma annunciata oramai da anni e che richiede, per essere affrontata, impegno comune e azioni concrete non più rimandabili.

Una preoccupazione condivisibile, alla luce di un dato che fa riflettere: il 46% degli operatori che lavorano in ospedale ancora ignora la pianificazione nell'ambito della prevenzione, la necessità di avere un'assistente sanitario ogni 250 pazienti,un medico per ogni tot posti letto per poter dare appunto una sicurezza adeguata al paziente, rispetto alla pianificazione.

Una call to action che non è rimasta inascoltata, ma che anzi è stata prontamente colta durante il webinar da Enoch Soranzo, Componente V Commissione Politiche Socio Sanitarie Regione del Veneto, che ha aggiunto: «Mai come in questo periodo post pandemico la classe politica, ma anche le istituzioni e gli stessi amministratori locali, hanno la consapevolezza che bisogna investire nella ricerca scientifica. Il fatto che per produrre un nuovo antibiotico ci vogliano minimo 8-11 anni (con una spesa globale ben oltre i 600milioni di euro), non può essere trascurato, soprattutto se riflettiamo su quelle che sono state le conseguenze della pandemia in questi ultimi due anni».

«Un'osservazione mi sento di fare a questo proposito», ha commentato Fabio Presotto, Direttore UOC Medicina Interna Ospedale dell'Angelo ULSS 3 Serenissima - Consiglio Direttivo FADOI Veneto: «con tutte le attenzioni e le precauzioni che abbiamo avuto per la pandemia Covid, compreso il super utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, mi sarei atteso una riduzione delle infezioni correlate all'assistenza. Paradossalmente, invece, abbiamo osservato un loro aumento e questa è una cosa che deve far riflettere noi medici, in merito all'appropriatezza prescrittiva».

Tra le proposte suggerite, inoltre, quella di ampliare i referenti all'interno dei diversi reparti, formati dall'infettivologo. Senza escludere gli infermieri e gli operatori sociosanitari, che hanno un ruolo fondamentale nelle pratiche da adottare nella gestione di dispositivi all'interno del reparto, in grado di prevenire dal 30 al 50% delle infezioni.

Infine un'osservazione, a margine dell'incontro, sull'utilizzo massiccio di antibiotici in ambito agroalimentare che influenza l'antibiotico resistenza in maniera non irrilevante. Rimane questo un ambito su cui sarebbe opportuno lavorare, per contenere l'utilizzo di antibiotici in ambito veterinario e agroalimentare in generale.

Ufficio stampa Motore Sanità

Liliana Carbone - Cell. 347 2642114

Marco Biondi - Cell. 327 8920962

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: