Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Biathlon: CdM, norvegese Roeiseland vince pursuit Oestersund e Wierer 13esima/Rpt

Di Redazione

Oestersund, 4 dic. - Primo successo della stagione in Coppa del mondo per Marte Olsbu Roeiseland che trionfa nella pursuit di Oestersund. La norvegese, dodicesima nella sprint di giovedì, ha messo la concorrenza alle spalle con una convincente prova sugli sci, grazie alla quale ha sopperito all'unico errore al poligono per precedere sul traguardo di 2″8 la francese Anais Bescond, al primo podio stagionale, mentre l'altra transalpina Anais Chevalier-Bouchet è giunta terza a 7″0, controllando l'austriaca Lisa Hauser che non è andata oltre la quarta posizione, dopo essere partita con il pettorale numero 1 per il trionfo di due giorni fa.

Pubblicità

Segnali di crescita arrivano da Dorothea Wierer, autrice di una prova regolare, con due errori al poligono che non le hanno impedito comunque di chiudere al tredicesimo posto, con un guadagno di due posti, mentre Lisa Vittozzi è stata condizionata da tre errori nella serie in piedi di apertura. La sappadina ha totalizzato alla fine un altro errore nella serie conclusiva per un ventesimo posto. La classifica generale vede Hauser al comando con 177 punti, segue Roeiseland con 168. Domenica 5 dicembre ultima prova del programma norvegese con la staffetta alle ore 12.35.

È sempre la Norvegia ad aggiudicarsi la prima staffetta maschile stagionale della Coppa del mondo di biathlon. I padroni di casa, hanno nettamente dominato dall'inizio alla fine, concludendo la loro prova con il tempo di 1h14'09” e quattro errori totali, riuscendo a superare la Francia staccata di 11″1. Chiude il podio la Russia, autrice di 10 errori, distante 45″9 dalla vetta. Ottava posizione per l'Italia, rappresentata dal quartetto Tommaso Giacomel – Thomas Bormolini – Lukas Hofer – Dominik Windisch: gli azzurri non sono riusciti a prendere ritmo, calando alla distanza e venendo beffati sullo sprint finale per il settimo posto. Il bilancio conclusivo del quartetto è di 13 errori, due giri di penalità e 2'31″0 di ritardo dalla Norvegia.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: