Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Castiglia (Art.101 Anm): "Subito riforma Csm, basta correnti"

Di Redazione

Palermo, 8 dic. "Se sul piano formale la magistratura è indipendente dal potere politico, come dice la ministra Cartabia, sul piano sostanziale l'indipendenza non è adeguata. La ragione è nota e unanimemente denunciata: il correntismo". Ecco perché servirebbe la riforma del Csm e servirebbe “al più presto". Ne è convinto il giudice Giuliano Castiglia, rappresentante del gruppo Articolo 101 nel direttivo dell'Anm, commentando le parole della ministra della Giustizia Marta Cartabia, che nei giorni scorsi aveva sottolineato che "la nostra magistratura ha una forte indipendenza dal potere politico" aggiungendo che "nonostante ciò nel nostro paese si è creato il problema della garanzia dell'indipendenza del singolo giudice anche all'interno della stessa magistratura".

Pubblicità

“Faccio riferimento - dice Castiglia in una intervista all'Adnkronos - al fatto che tra i gruppi organizzati interni alla magistratura e la politica esistono canali di collegamento attraverso i quali i protagonisti si condizionano reciprocamente. È ovvio - spiega - che bisogna distinguere: la politica è un'attività nobilissima, nessuno vuole demonizzarla, è un'arte bellissima, chiamiamola così, anche se, come sappiamo bene, le degenerazioni non mancano. Il problema nasce quando l'influenza culturale si trasforma in gestione del potere, nei campi più disparati e, in particolare, nella partecipazione alla distribuzione di incarichi secondo logiche di appartenenza.

Le cause di questa degenerazione con effetti gravissimi, allo stato, non sono state ancora affrontate e, tanto meno, rimosse. Non può che essere questo, del resto, il motivo per cui assistiamo a ripetuti appelli, anche al massimo livello, al varo di adeguate riforme".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: