Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Consulta, Coraggio: "sentenza 37-2021 è bussola nella gestione della pandemia"

Di Redazione

Roma, 28 gen. La sentenza 37-2021 della Corte costituzionale, che ha messo ordine nel riparto delle competenze fra Stato e Regioni sulla questione di costituzionalità sollevata dal Governo nei confronti di una legge della regione a statuto speciale Valle d'Aosta, regione che aveva attenuato rispetto a quelle statali le misure da osservare nella fase più acuta dell'epidemia, "è una bussola nella gestione della pandemia". Sono le parole del presidente della Corte costituzionale Giancarlo Coraggio che all'ultimo giorno del suo mandato novennale di giudice, intervenendo nella nuova serie della Libreria dei podcast che ci hanno cambiato la vita, la definisce "una pronuncia sistemica", di riferimento nella prossima gestione della pandemia, come confermato "quando la Corte ha dovuto decidere sui famosi dpcm".

Pubblicità

Coraggio ricorda nel podcast che "l'Italia, come del resto la maggior parte dei paesi del mondo, ancora oggi sta vivendo un periodo drammatico in cui è in gioco il bene fondamentale della salute dei singoli e dell'intera collettività". "I cittadini, nella grandissima maggioranza, sono stati all'altezza dei problemi da affrontare e hanno compreso subito quanto il rispetto dei doveri e dei limiti imposti dalla pandemia fossero la condizione indispensabile per uscirne con il minor danno possibile". Così anche gli apparati pubblici, "a loro volta, pur messi duramente alla prova, hanno dimostrato grande capacità di reazione ed efficienza" anche se talvolta si è sentita la fragilità di "quegli snodi istituzionali tradizionalmente caratterizzati da incertezze". "Non è dunque un caso che proprio in questo settore sia dovuta intervenire la Corte costituzionale", che nel conflitto tra Stato e Val D'aosta ha affermato "con fermezza i valori unitari espressi dalla nostra Costituzione, valori che in circostanze del genere vanno considerati la stella polare delle scelte e dei comportamenti della società non meno che delle Istituzioni".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: