Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Famiglia: Draghi, 'sicurezza e stabilità per consentire a giovani di fare figli'

Di Redazione

Roma, 3 dic. "Per decidere di avere figli, i giovani hanno bisogno soprattutto di sicurezza e stabilità. In questi mesi, ci siamo impegnati per metterli in condizione di avere una casa, di trovare un lavoro sicuro, di poter contare su una rete di servizi per l'infanzia e di supporto più solida. Le agevolazioni per il mutuo per chi ha meno di 36 anni introdotte a maggio stanno aiutando circa 200mila giovani ad acquistare la prima abitazione. Con la riforma degli ammortizzatori sociali presentata a ottobre rafforziamo il sostegno anche per chi ha lavorato per periodi brevi". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi intervenendo alla Conferenza nazionale sulla famiglia.

Pubblicità

"Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza - prosegue il premier - prevede che le imprese che vogliono ottenere fondi e partecipare ai progetti debbano rispettare una clausola di condizionalità sulle assunzioni di giovani e di donne. Le linee guida per l'inserimento di questi requisiti nei bandi sono in via di adozione. Sempre nel PNRR, abbiamo investito quasi 6 miliardi per rafforzare in maniera strutturale i servizi per l'infanzia e sostenere in particolare i genitori che lavorano. Gli obiettivi che abbiamo per i prossimi cinque anni sono molto ambiziosi. Sono in via di pubblicazione i bandi che mettono a disposizione questi fondi. Aggiungiamo 264 mila nuovi posti negli asili nido e nelle scuole dell'infanzia, un aumento di oltre il 70% rispetto a oggi. Ristrutturiamo o adattiamo almeno mille edifici per ampliare l'offerta del tempo pieno nelle scuole con il servizio mensa. Realizziamo o riqualifichiamo 230 mila metri quadri da utilizzare come palestre e strutture sportive scolastiche".

"L'aiuto alle famiglie passa anche attraverso il sostegno alle donne che lavorano. Con la legge di bilancio, abbiamo reso finalmente strutturale il congedo di paternità obbligatorio. È un passo importante nella direzione di una condivisione più equilibrata dei carichi di cura. Abbiamo introdotto una specifica decontribuzione per sostenere i redditi delle lavoratrici che diventano madri. Perché vogliamo incentivare le donne a non abbandonare il lavoro dopo la maternità", rimarca Draghi.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: