Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Ferandi (Cavifer Srl): “Smaltimento di ferro e metalli, l'opportunità di monetizzare puntando sull'economia circolare”

Di Redazione

(Brescia, 7/7/2022) - Grazie a imprese capaci di valorizzare il materiale raccolto, la gestione degli scarti può diventare un'opportunità di guadagno

Pubblicità

Brescia, 7/7/2022 - Ogni azienda è responsabile degli scarti che produce e del loro corretto smaltimento. Che si tratti di imprese meccaniche, agricole o edili non fa differenza: è compito loro far sì che rifiuti e materiali accumulati abbiano un corretto fine vita. L'obbligo, tuttavia, può trasformarsi in un'opportunità rivolgendosi a professionisti esperti e preparati, capaci di fornire soluzioni vantaggiose a livello economico e sociale, puntando sull'economia circolare e il riciclo. “Lavorando i materiali in maniera corretta, separandoli e differenziandoli in base alle diverse tipologie, è possibile proporli con successo ad acciaierie e impianti disposti ad acquistarli a tariffe buone, il che consente di proporre alle aziende prezzi concorrenziali per lo smaltimento dei loro rifiuti - spiega Giacomo Ferandi, che insieme al padre Angelo e alla madre Daniela Mora gestisce Cavifer Srl, società attiva nel settore nel Nord e nel Centro Italia da oltre 30 anni -. Per farlo, chiaramente, è necessario avere rapporti consolidati con gli impianti, che grazie alla fiducia costruita nel tempo garantiscono valutazioni favorevoli dei materiali”.

A garantire la qualità delle attività sono le certificazioni. La 333/715, per esempio, consente alle imprese di lavorare i rottami creando materia prima secondaria, che può poi essere trasportata con bolla d'accompagnamento, come un nuovo prodotto. Tutto, chiaramente, ruota attorno all'efficienza del servizio svolto. “A fare la differenza è la capacità di differenziare il più possibile i diversi materiali e le varietà di uno stesso metallo. Il rame, per esempio, può essere di prima, seconda o terza scelta. L'acciaio si presenta in diverse tipologie, così come l'ottone - aggiunge Angelo Ferandi – È inoltre fondamentare isolare i metalli da altri materiali. Dopo le demolizioni, per esempio, si utilizzano calamite specifiche per separare il ferro dal calcestruzzo, mentre trattando il rame ci occupiamo di eliminare viti o altri elementi, in modo da poter consegnare agli impianti materiali ‘puliti'. Con il doppio vantaggio più volte richiamato: economico da un lato e sociale dall'altro, perché il futuro del nostro pianeta dipende dalle azioni messe in atto ogni giorno e non può prescindere da una forte attenzione al riciclo e all'economia circolare.

Contatti:

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: