Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

La denuncia di un medico MsF: "Su migranti segni di torture con ferro rovente"

Di Redazione

Palermo, 28 ago. Torturati con un ferro rovente sulla coscia, bruciati con le sigarette su tutto il corpo, e con una pallottola nello stomaco. Sono solo alcune delle storie, tragiche, raccolte questa mattina dal medico anestesista Alessandro Trainito, che da un mese si trova a Lampedusa, a seguire per Medici senza Frontiere gli sbarchi dei migranti. Da anni Trainito gira il mondo, nelle zone di guerre, ad aiutare i più bisognosi di cure. E' stato a Gaza, in Iraq, in Africa. E adesso è nella sua Sicilia, a Lampedusa. Ad aiutare i migranti che arrivano sulle coste dell'isola. Questa mattina erano quasi 500, su una carretta del mare, tutti stipati l'uno sull'altro. Erano quasi tutti maschi, giovani, provenienti dall'Africa subsahariana e dal Nordafrica, ma anche dal Bangladesh, dallo Yemen, dalla Palestina, dalla Siria. Tutti arrivati dalla Libia. Dove prima di partire sono stati detenuti e hanno subito violenze di ogni genere. E durante le visite mediche sul molo Favaloro, Alessandro Trainito, come racconta in una intervista all'Adnkronos, ha riscontrato "molti segni di torture".

Pubblicità

"Sono stati recuperati da una grossa imbarcazione e trasbordati al Molo Favaloro - racconta il medico anestesista di Msf- questo gruppo ha raccontato di avere subito dei maltrattamenti, di varia natura. Vere e proprie torture. E c'erano i segni evidenti. Un ragazzo aveva una brutta ferita sulla coscia, e ci ha detto che è stato torturato con un ferro rovente". "La ferita si stava rimarginando - dice Trainito -ma era infetta. Quindi va curata subito. Su altri ragazzi giovani c'erano segni di colpi di arma da fuoco, sia vecchi che nuovi. Uno aveva una pallottola nel'addome, a un altro hanno sparato venti giorni fa".

"Poi c'era un gruppetto di ragazzi del Bangladesh che non aveva segni evidenti corporei, ma ci hanno detto di essere stato maltrattati. Alcuni avevano dei segni di bruciatura da sigarette sul corpo". E poi c'è chi aveva il piede gonfio e infetto. "Perché gli hanno infilato nel piede degli oggetti", dice il medico. Altri avevano delle "cicatrici da bastonate".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: