Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

M5S: gelo Grillo, il 'no' a Conte per uso blog garante

Di Redazione

Roma, 2 dic. Il blog di Beppe Grillo, un tempo scintilla del M5S. Si sarebbe giocato sul portale del garante del Movimento l'ultimo strappo tra il fondatore dei 5 Stelle e i vertici pentastellati. Complice l'operazione due per mille, ma anche tutta una serie di inciampi e mancati coinvolgimenti che Grillo continua a rimproverare alla nuova leadership, affidata all'ex premier Giuseppe Conte. La questione, stando a fonti vicine al garante del Movimento, sarebbe questa. Per avvicinare la parti - Conte da un lato e Grillo dall'altro - ma anche per strizzare l'occhio alla vecchia base grillina, i vertici del Movimento avrebbero accarezzato l'idea di un maggior coinvolgimento del comico genovese, anche tornando a parlare attraverso il suo blog, un tempo finestra sul mondo del M5S. Ma il blog di Beppe Grillo conta ben 8 persone all'attivo, che andrebbero retribuite (una volta attivata la 'partnership') anche con le risorse del Movimento, dunque dei gruppi parlamentari. Un impegno gravoso, nell'ordine delle centinaia di migliaia di euro.

Pubblicità

Da qui l'interlocuzione tra Grillo e i vertici pentastellati, lunga e complessa. E se da un lato c'è chi sostiene che sarebbe stata la controparte a far saltare il banco, fonti del Senato assicurano, al contrario, che il gruppo di Palazzo Madama era pronto ad accollarsi le spese, ma che sarebbe stato il garante del Movimento a fare un passo indietro, timoroso anche di tornare sotto i riflettori viste le complicate vicende famigliari che vedono coinvolto il figlio Ciro. "E' stato Beppe a non voler portare avanti la cosa: credo che in questo momento non voglia che si parli di lui, la vicenda del figlio lo occupa a tempo pieno", racconta all'Adnkronos una fonte parlamentare molto vicina al garante.

"Grillo non vuole altra 'pubblicità'. Ha bloccato qualsiasi tipo di operazione perché vuole il più assoluto riserbo in questo momento. Non è una questione di soldi", assicura la stessa fonte. Stipulando il contratto con un gruppo parlamentare, inoltre, i contenuti del blog di Grillo sarebbero stati vincolati al racconto delle attività di deputati o senatori e quindi avrebbero avuto una connotazione meno 'visionaria' di quella voluta dal garante. Sarebbe stato anche questo, raccontano, uno dei fattori a far arenare la trattativa. Fatto sta, che la tensione ai vertici resta altissima. Chi conosce gli umori del cofondatore M5S parla di un "vaffa" del garante, raccontando di una chiusura senza precedenti. Tanto che c'è chi non ha mancato di fargli notare - tra le persone a lui più vicine - che il simbolo del Movimento appartiene a lui, invitandolo a pensare se sia il caso di non consumare lo strappo definitivo.

(di Ileana Sciarra e Antonio Atte)

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: