Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Papa: ‘come Chiesa sperimentiamo tante resistenze, spesso incatenati'

Di Redazione

Città del Vaticano, 29 giu. (Ankronos) - Città del Vaticano, 29 giu.(Adnkronos)

Pubblicità

"Sperimentiamo ancora tante resistenze interiori che non ci permettono di metterci in movimento". Lo denuncia il Papa celebrando la messa in Basilica Vaticana in occasione della solennità dei Santi Pietro e Paolo.

"A volte, come Chiesa, siamo sopraffatti dalla pigrizia e preferiamo restare seduti a contemplare le poche cose sicure che possediamo, invece di alzarci per gettare lo sguardo verso orizzonti nuovi, verso il mare aperto. Siamo spesso incatenati come Pietro nella prigione dell'abitudine, spaventati dai cambiamenti e legati alla catena delle nostre consuetudini. Ma così si scivola nella mediocrità spirituale, si corre il rischio di "tirare a campare" anche nella vita pastorale, si affievolisce l'entusiasmo della missione e, invece di essere segno di vitalità e di creatività, si finisce per dare un'impressione di tiepidezza e di inerzia", avverte il Papa.

"Allora, - mette in guardia Francesco - la grande corrente di novità e di vita che è il Vangelo – scriveva padre de Lubac – nelle nostre mani diventa una fede che 'cade nel formalismo e nell'abitudine, religione di cerimonie e di devozioni, di ornamenti e di consolazioni volgari .Cristianesimo clericale, cristianesimo formalista, cristianesimo spento e indurito'".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: