Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Sci: Mondiali velocità, Valentina Greggio torna a vincere dopo 4 anni

Di Redazione

Vars, 30 gen. - Valentina Greggio torna sul tetto del mondo nello sci velocità femminile a distanza di quattro anni. La quasi trentaduenne di Verbania, vincitrice della medaglia d'oro nei Mondiali del 2015 e 2017, si è aggiudicata il terzo titolo iridato della carriera al termine dei due giri di semifinale e al giro di finale sulla pista storica di Vars, in cui ha raggiunto i 201,29 km/h contro i 193,85 km/h della francese Clea Martinez e i 193,26 km/h della svedese Britta Backlund. Una prova di forza schiacciante da parte di Valentina, che ha mostrato sin dai giri di qualifica di avere materiali e voglia superiori rispetto alla concorrenza. C'è un numero su tutti che esprime la sua superiorità: la velocità raggiunta le avrebbe consentito di chiudere al sesto posto la competizione maschile.

Pubblicità

“Aprire la stagione con un Mondiale e vincerlo è sempre una soddisfazione – ha raccontato al traguardo Greggio -. Non siamo riusciti a prepararci al meglio perché in Italia c'è poca neve e quindi ci siamo presentati con grandi incognite al via. E' significativo avere ottenuto questa medaglia, su questa stessa pista tre anni fa cominciarono i miei problemi tecnici, avevo battagliato per arrivare terza, ripartire in questa maniera spero sia di buon auspicio per il resto della Coppa del mondo”.

Meadaglia italiana anche nella finale maschile, dove Simone Origone è stato capace di salire sul podio per l'ottava volta in carriera grazie al terzo posto, arrivato con la quota di 206,36 km/h, leggermente inferiore ai 208,32 km/h con cui si è imposto il padrone di casa Simon Billy davanti all'austriaco Manuel Kramer, fermatosi a 206,90 km/h. Una medaglia che arriva a distanza di 17 anni dal primo alloro di Cervinia nel 2005, anche se il campione valdostano aspirava a qualcosa di più pregiato, dopo avere dominato le run andate in scena nella giornata di sabato. Nella top ten si è piazzato anche il fratello Ivan, mentre Jean Daniel Pession si era fermato nella prima fase.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: