Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Sci: Roda su contributi alle federazioni, 'Non ci sto, non c'è meritocrazia'

Di Redazione

Roma, 22 dic. - “Questa volta non posso accettare che la Fisi venga penalizzata. Se i contributi complessivi aumentano, ma a noi viene attribuita la stessa cifra dello scorso anno, significa che in percentuale ci vengono dati meno soldi. Faccio davvero fatica a capire il criterio”. Lo dice il presidente della Fisi Flavio Roda in merito ai contributi alle Federazioni per il 2022.

Pubblicità

“Noi sosteniamo tutta l'attività, da quella dei piccoli all'alto livello -prosegue Roda-, usciamo da un anno drammatico a causa della pandemia, che ha richiesto esborsi maggiori per mantenere tutti in sicurezza. Abbiamo anche dato contributi agli Sci Club, perché potessero ripartire con l'attività. Come premio, Sport e Salute non ci riconosce nulla in più. Siamo nell'anno olimpico, abbiamo entrambi i portabandiera a Pechino 2022, segno che i successi della Fisi sono di altissimo livello, i nostri atleti sono su tutti i giornali perché vincono quasi tutte le gare di livello internazionale, abbiamo giovani in crescita, sono in arrivo le Olimpiadi in Italia. Si continua a parlare di meritocrazia, ma guardando alla distribuzione dei contributi mi pare che i criteri siano altri”.

“Sono anni che mi batto perché la Fisi abbia il rango che le spetta nell'ambito delle Federazioni, ma ancora non è così -sottolinea il numero uno dello sci italiano-. Questa volta non lo posso accettare e farò di tutto perché i contributi siano modificati. Ricordo che la Federazione Italiana Sport Invernali rappresenta ben 15 discipline, di cui ben 10 olimpiche e prepara gli atleti che costituiscono l'80% dei Giochi Olimpici Invernali. Nella nostra storia abbiamo vinto 106 medaglie olimpiche; nell'ultima edizione in Corea, i nostri atleti si sono messi al collo sei medaglie, di cui due d'oro, tra cui la prima della storia nella discesa femminile. Chiedo ai vertici di Sport e Salute cosa dobbiamo fare di più per avere la considerazione che ci spetta?”

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: