Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Summer School 2021 Super batteri resistenti, è emergenza sanitaria: la ricerca va stimolata per individuare nuove molecole antinfettive

Di Redazione

I dati parlano chiaro: se non venisse fronteggiata adeguatamente, entro il 2050 la AMR causerà 10 milioni di morti all'anno, un numero maggiore del cancro, e dovrebbe ridurre il PIL mondiale annuo del 3,8%, una cifra pari alle perdite provocate dalla crisi finanziaria globale del 2008-2009. L'impatto sul PIL stimato dovuto all'aumento dei decessi prematuri si aggira intorno ai 100 trilioni di dollari. In Italia la AMR è molto elevata da sempre, tanto da avere la maglia nera in Europa insieme ai paesi dell'Est Europa. Nel 2030 il nostro Paese avrà un incremento nella resistenza antimicrobica del 19%, mentre la Cina, coinvolta in maniera importante dall'emergenza Covid, lo sarà altrettanto per i microrganismi resistenti, che cresceranno fino al 50%.

Pubblicità

“Ogni giorno ci troviamo di fronte a infezioni difficili da trattare. La presenza di nuovi antibiotici che sono stati resi disponibili sul mercato e che saranno disponibili nel prossimo futuro per noi è manna dal cielo - ha spiegato Antonio Cascio, Direttore Unità Operativa Malattie Infettive Policlinico P. Giaccone di Palermo. “Tutti sanno che i microbi e i batteri diventano resistenti e quindi avere batteri che contrastano l'infezione, soprattutto per pazienti difficili da trattare, è un valore importante. Consideriamo poi il fatto che nel 2050 i morti per antibiotico resistenza saranno maggiori rispetto ai morti per altre cause. Fondamentale sottolineare, inoltre, il ruolo dell'infettivologo nella gestione degli antibiotici: è importante avere le armi, ma anche avere chi sa usare queste armi”.

“L'utilizzo razionale e corretto della terapia antibiotica deve rappresentare un momento di riflessione fondamentale per fronteggiare l'emergenza e limitare i danni della farmaco-resistenza che attualmente riguarda sia i batteri Gram-negativi che positivi. Questi ultimi, con particolare riferimento allo Staphylococcusspp. e all'Enterococcusspp., seppur favoriti da più numerose possibilità terapeutiche, mantengono elevata mortalità e morbosità in settori ambiti sanitari quali la chirurgia più o meno protesica, la medicina interna, la pneumologia e le malattie infettive in senso stretto” ha spiegato Francesco G. De Rosa, Professore Associato Malattie Infettive SC Malattie Infettive AOU Città della Salute e Scienza Torino e Ospedale Cardinal Massaia Asti. “Un confronto polispecialistico sull'emergenza dei Gram-positivi MDR, sull'impiego delle nuove molecole antiinfettive e sulle strategie per ridurne la diffusione, rappresenta un punto fondamentale per affrontare questa attuale problematica infettivologica. Se nell'ambito dei microrganismi Gram-positivi la questione della resistenza si può identificare nella meticillino-resistenza e nella diminuita sensibilità ai glicopeptidi in stafilococco e nella vancomicina-resistenza in enterococco, tra i batteri gram-negativi il problema è di gran lunga più complesso (E. colichinoloni-resistenti, P. aeruginosa pan-drug-resistant, Gram-negativi ESBL+,Enterobacterales carbapenemasi-produttori KPC, OXA-48, KPC+, Acinetobacterspp. Resistenti ai carbapenemi). Di fronte a questo scenario risulta importante stimolare la ricerca per individuare nuove molecole antinfettive, utilizzando correttamente quelle già conosciute e valorizzando al meglio i nuovi antibiotici”.

“Continuare a sostenere e proporre come priorità l'attività di ricerca, dal punto di vista di chi opera in ambito sanitario, per la Regione Emilia-Romagna è importante e su questo stiamo investendo” è intervenuta Valentina Solfrini, Servizio Assistenza Territoriale Area Farmaci e Dispositivi Medici, Regione Emilia-Romagna.

Motore Sanità si propone di contribuire al progresso della ricerca scientifica e delle conoscenze scientifiche sia in Italia che all'estero nel campo sanitario e sociale attraverso:

1. informazione, formazione e sensibilizzazione

2. organizzazione di convegni, congressi, workshop e seminari

3. attività di aggiornamento, educazione e pubblicazioni

Ufficio stampa Motore Sanità

Liliana Carbone - Cell. 347 2642114

Marco Biondi - Cell. 327 8920962

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: